Era l’8 novembre 2016 quando venivano consegnata alla Camera 6o.ooo firme a supporto della proposta di legge d’iniziativa popolare per la legalizzazione della cannabis in Italia. A oltre due anni di distanza l’Associazione Luca Coscioni chiede al Parlamento di rispettare finalmente la volontà popolare e discutere quella proposta di legge.

L’Associazione, affiliata al Partito Radicale, richiede che «venga promosso un intergruppo parlamentare per assicurare la presentazione di proposte di regolamentazione legale della cannabis e per far sì che queste vengano iscritte quanto prima all’ordine del giorno delle Commissioni competenti».

«Se la legalizzazione della cannabis non rientra nel cosiddetto contratto di Governo – prosegue il comunicato – sappiamo che esiste un ampio consenso politico relativamente all’attenzione istituzionale da riservare alla democrazia diretta di cui le proposte di legge d’iniziativa popolare sono uno degli esempi costituzionalmente previsti».

La proposta di legge prevede la libertà di autoproduzione di cannabis individuale o associata nei “Cannabis social club”, pratiche semplificate per la produzione commerciale, accesso garantito alla cannabis terapeutica per i malati, l’utilizzo dei proventi della tassazione della cannabis in attività informative e sociali, la depenalizzazione totale dell’uso personale di tutte le sostanze e la liberazione per i detenuti per condotte non più penalmente sanzionabili.

Il comunicato dell’Associazione Coscioni si conclude chiedendo al governo di prendere una posizione coraggiosa in vista della prossima Conferenza Onu sulle droghe, prevista per il 14 e 15 marzo a Vienna. «Il governo – si legge – si schieri con quegli stati membri dell’ONU che affermano che le politiche nazionali e internazionali degli stupefacenti non debbano andare contro il pieno godimento dei dritti umani ivi compresa la proporzionalità delle sanzioni e l’esclusione della pena di morte per uso, detenzione e commercio delle sostanze proibite».





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.