La plastica ci circonda. E’ parte integrante della nostra vita: contiene il nostro cibo e l’acqua che beviamo, molto probabilmente siete seduti su di un polimero. Tutti sanno che il petrolio è una risorsa coi minuti contati e l’unica soluzione per interrompere l’uso spropositato e non responsabile di questo materiale è attuare delle politiche incentrate sul riciclo.

Ed è quanto hanno deciso di fare alcune grandi città, come Londra che, dopo aver aumentato le fontane di acqua potabile sul suo territorio, investe in una nuova tecnologia per la realizzazione del manto stradale. Il quartiere londinese di Enfield è il primo a utilizzare una miscela di asfalto che prevede l’utilizzo di plastica riciclata al 100%. 

L’idea nasce dalla ditta MacRebur, vincitrice nel 2016 del Virgin Voom, che ha selezionato tre differenti additivi da miscelare al bitume a seconda delle prestazioni che si vogliono ottenere. Questo rende l’asfalto non solo duraturo ed alte prestazioni, ma garantisce un uso inferiore di combustibili fossili, diminuisce l’impronta di carbonio oltre che la plastica destinata alla discarica, favorendo un’economia circolare.

I polimeri selezionati sono prodotti in forma di pellet e a scaglie, per permettere un trasporto e un utilizzo più facile. Non è necessario cambiare la tecnologia con la quale si crea l’asfalto, semplicemente verrà utilizzato meno bitume perché verrà aggiunto l’additivo. L’asfalto prodotto vede aumentate le proprie caratteristiche di attrito e di resistenza alla deformazione, maggiore resistenza alle rotture ottenendo quindi un prodotto più duraturo, che per gli automobilisti si traduce in strade senza buche.

Scegliere di investire nell’avanguardia può sembrare rischioso, ma non possiamo più permetterci di aspettare, continuando con inerzia a fare scelte che non sono più sostenibili. Un grande elogio quindi al distretto di Enfield!

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Vimeo framework” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.