il carcere Pagliarelli di Palermo

il carcere Pagliarelli di Palermo

Antonio Cangemi, arrestato un anno fa per coltivazione di cannabis è morto nel carcere di Palermo per infarto. Una vicenda ancor più assurda perché i parenti lo hanno scoperto solo il giorno dopo, quando si sono recati al consueto colloquio settimanale per incontrarlo, e gli agenti del penitenziario gli hanno annunciato che era deceduto il giorno prima.

Cangemi aveva 50 anni e soffriva di problemi di salute, tanto che i familiari avevano più volte chiesto che venisse trasferito ai domiciliari. Niente da fare, nonostante fosse in carcere solo per coltivazione di cannabis, senza essersi macchiato di alcun crimine violento, il giudice gli ha sempre negato la detenzione a casa, fino alla morte avvenuta venerdì scorso.

Un fatto che getta una nuova ombra sul sistema carcerario italiano e sull’assurda repressione che subiscono i crimini non violenti, in particolar modo se legati alla droga. Non sappiamo (le cronache non lo riportano) quale fosse stata la colpa dell’uomo, né se avesse coltivato due o duemila piante. L’assurdo è che per la legge non fa differenza e la pena prevista va comunque dai 2 ai 6 anni di reclusione. È ancor più intollerabile, inoltre, che un uomo debba morire in carcere in questo modo, a prescindere dal reato commesso.

Secondo quanto raccolto dal quotidiano Il Dubbio, la procura ha messo sotto sequestro la cartella clinica dell’uomo ed è stata aperta un’inchiesta disponendone l’autopsia. Ma a finire sotto indagine dovrebbero essere anche le modalità con le quali la famiglia dell’uomo è venuta a conoscenza del suo decesso.

Infatti, secondo l’ordinamento penitenziario in caso di decesso, le autorità devono immediatamente informare il coniuge, il convivente o il parente più prossimo. Invece i familiari non sono stati avvertiti e hanno ricevuto la terribile notizia nel giorno del colloquio. Secondo la direzione del carcere la notizia l’avrebbero dovuta dare i carabinieri. Comunque sia, non è stata rispettata la prassi.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.