Adam-Koessler2Adam Koessler è stato arrestato due settimane fa ed ora, in attesa del processo, gli è vietato di vedere sua figlia di appena due anni. La sua colpa? Aver cercato di curare la figlia gravemente malata di cancro utilizzando l’olio di cannabis, dopo aver riscontrato il fallimento delle altre cure.

I MIGLIORAMENTI RISCONTRATI. La bambina di Adam sta lottando da mesi contro il neuroblastoma, un tumore neuroendocrino maligno che ha colpito il tessuto nervoso, lasciando alla bambina una probabilità del 50 per cento di sopravvivenza. Dopo mesi di battaglie con le medicine convenzionali, Adam Koessler ha deciso di provare a somministrare alla bambina olio di cannabis mescolato con olio di cocco per alleviare il suo dolore. E dopo poche somministrazioni si è reso conto che gli effetti migliorativi della cannabis influivano positivamente sulle condizioni complessive della bimba. Parlando al Newcastle Herald, il signor Koessler ha raccontato come la figlia abbia mostrato notevoli segni di miglioramento: “la pancia non le faceva più male ed era tornata a mangiare. Inoltre, le era tornata la voglia di uscire di casa ed i suoi occhi sono tornati a brillare”.

L’ARRESTO ED IL PEGGIORMANENTO DELLA FIGLIA. Il 2 gennaio scorso, dopo essersi recato nella cittadina di Brisbane dove aveva incontrato l’oncologo di sua figlia, Adam ha trovato la polizia ad aspettarlo a casa per trarlo in arresto. In base alla legge australiana è stato accusato di aver fornito farmaci pericolosi ad una persona minore di 16 anni e di possesso di droghe. Il processo comincerà oggi e nel frattempo ad Adam è stato anche impedito di vedere la figlia, la quale ha dovuto naturalmente sospendere la cura a base di olio di cannabis e cocco: l’unica che fino a questo momento le aveva dato segni tangibili di miglioramento. Pochi giorni dopo aver sospeso la cura, la piccola è stata colta da convulsioni e dal 9 gennaio si trova ricoverata nel reparto di terapia intensiva.

I CITTADINI CHIEDONO GIUSTIZIA CON UN PETIZIONE ONLINE. La vicenda di Adam Koessler sta facendo parlare molto l’opinione pubblica australiana, e sul sito change.org è stata lanciata una petizione per chiedere la sua immediata assoluzione che ha raccolto oltre 110mila firme in due settimane. “E’ disumano e ingiusto arrestare un genitore che ha agito solo per amore della sua figlia malata – si legge nell’appello della petizione – e la cura con olio di cannabis deve essere legalizzata immediatamente, come già avviene in molti altri stati nel mondo”.





15 Comments

  1. Sta gente deve morire di cancro!! non hanno proprio capito cosa sia la giustizia, e soprattutto quando applicarla. (c'è una petizione da firmare, è una cagata basta mettere l'email ed è fatta)

  2. La legge di merda legalizzare siamo nel 2015

  3. La legge è forte con i deboli e debole con i forti.

  4. E stiamo ancora cercando di capire quello che significa VIVERE? Hazzo se questi sono i motivi per poter privare un' individuo della sua liberta'……………………..cosa dovremmo fare quando i ns "pastori" rubano a tutta la comunita' , VIVERE e' qualcos'altro, ottenuto con Amore, proprio quell' ingrediente che i ns "consiglieri" hanno escluso da tutto cio' che fanno. Ripensiamoci la VITA. Senza violenza ma semplicemente, fermando questo Carosello di esistenza funzionante su parametri che nnon abbiamo deciso noi.

  5. Eleonora Agazzi says:

    Scusate, ma anche io uso olio di canapa. Si trova nei centri commerciali. Non presenta il principio attivo presente nelle 'canne' e ha proprietà antiinfiammatorie notevoli. In ogni caso non si tratta di una cura. Credo che l' articolo sia piuttosto approssimativo in più parti.

  6. Guardate la faccia di quella bambina, e ditele che non si potrà più curare, perchè la marijuana non sia mai, farebbe troppo comodo e chissà quante altre vite potrebbe salvare… Mah, viviamo in un mondo che va al contrario, dove per il Dio denaro e quella gran puttanata chiamata Economia, le persone devono morire di fame o non possono essere curate… Dire che ci staimo evolvendo è un controsenso, qui andiamo all'inietro come i gamberi!!

  7. Alexander Sean Brogan says:

    si, quello è l' oilio di semi di canapa. L' olio come sostanza estratta dalla pianta, in particolare da fiori e foglie in parte si, contiene assolutamente i prinicpi attivi.. 🙁

  8. Questa è inciviltà e inumano !

  9. Fabian Tartacuta says:

    tu usi olio di SEMI di canapa che non centra niente con l'olio dei fiori e delle foglie, è quest'ultimo quello che ha proprietà curative, lo sbaglio di chi ha scritto l'articolo è stato quello di non distinguere le due cose.

  10. Quello come dicono altri e olio di semi di canapa , molto nutriente e con tanti benefici , ma ahimè nn e quello che proprietà antitumorali …quello stranamente e ancora oggi illegale…

  11. Curare una bambina di due anni, con tutta la sua vita davanti non dovrebbe essere illegale..il diritto alla vita e alle cure su ogni tipo di malattia non dovrebbe essere illegale e neanche il metodo di cura, qualunque sia il metodo!
    Aprite la mente e il cuore..! Hanno chiamato droga ciò che ha riportato un sorriso ad una bambina di appena due anni!

  12. Visto che funziona allora essiaa, purtroppo però anche in questo caso la speculazione si fa avanti sulla salute di noi tutti. Ma perché bisogna sempre fare le cose da se?? Ha fatto bene questo papà . Anch' io lo avrei fatto, liberatelo

  13. Eleonora Agazzi e menomale che fai l'università..che ignoranza!

  14. Eleonora Agazzi says:

    Giuseppe Anastasi, la ringrazio per aver ritenuto opportuno guardare il mio profilo. Le faccio presente che sono laureata in ben altro ambito. Ben contenta di saperne di più, lontana dal voler dare giudizi a caso.

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.