COLOMBIA-CANNABIS-LEGALIZATION

Coltivava marijuana nel terrazzo del suo balcone sul Canal Grande, ma il giudice Giuliana Galasso ha archiviato l’indagine nei confronti di una sessantenne signora veneziana, moglie di un noto docente, denunciata dai carabinieri che in casa sua avevano sequestrato 42 piante e 20 grammi di sostanza stupefacente già essiccata. La signora, infatti, la coltivava per farne uso personale e terapeutico: da 30 anni, infatti, soffre di sclerosi multipla progressiva e la utilizzava in luogo di farmaci antispastici, che hanno gravissimi effetti collaterali.

Prima il rappresentante della Procura, poi il giudice delle indagini preliminari hanno sostanzialmente accolto la tesi difensiva dell’avvocato Elisabetta Alfonso, che tra l’altro è presidente dell’Associazione italiana sclerosi multipla di Venezia. Nel provvedimento del magistrato si legge che il proscioglimento si giustifica con le particolarissime condizioni fisiche dell’indagata e alla modesta entità della coltivazione, palesemente funzionale tra l’altro al consumo meramente personale e ad uso terapeutico. Tutto questo è stato valutato sia dal pm sia dal giudice come «causa di giustificazione dello stato di necessità.

Quel 30 settembre 2008 i carabinieri si erano sicuramente mossi su indicazione di un vicino, il quale si era accordo che sul terrazzo dei coniugi cresceva la marijuana. I militari di Cannaregio avevano suonato il campanello a colpo sicuro e avevano sequestrato sia le piante sia la piccola scatola che conteneva l’«erba» già essiccata e pronta per l’uso, nonostante il marito della signora avesse spiegato loro perché la moglie si fumasse ogni tanto qualche spinello. Nella memoria presentata dall’avvocato Alfonso, oltre a ricordare le condizioni di salute della signora, che da anni ormai è su una sedia a rotelle, aveva presentato una relazione clinica firmata dalla neurologa dell’ospedale veneziano che ha in cura la paziente.

fonte: nuovavenezia.gelocal.it

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.