img1

In un ritardo “Africano”, sperando che come forse già è per il nostro Paese non sia troppo tardi, mando le mie riflessioni dal continente Nero dove a questo giro mi sono giocato il glorioso Mac, soprannominato “frullino”che mi accompagnava da anni. L’equipaggiamento è d’emergenza, cosi come d’emergenza è la situazione. Mi arrivano dall’Italia notizie ed opinioni di cui ho rigetto, non volevo credere sarebbe andata davvero così, speravo come ho scritto l’ultima volta, in uno scatto d’orgoglio che come tante volte nel nostro passato, ci permettesse di riscattarci all’ultimo minuto col genio e col talento italico, che esiste perché come la verità soffre spesso ma non muore mai. Non è prevedibile nessuna evoluzione, le variabili sono troppe, ma direi una peggio dell’altra.

Il bollettino dei suicidi è impressionante, ormai più tanti fuori che dentro le carceri, fatte le debite proporzioni, i penitenziari (meditate sul termine) hanno soltanto anticipato come spesso accade anche per altre emergenze, la situazione vergognosa e miserabile, in cui versa una grande parte della Nazione, quasi ne fossero state il campanello d’allarme inascoltato e vilipeso. Nelle mense della Caritas hanno messo a disposizione sale “riservate” ed un po’ più nascoste, per coloro che, pur avendo lavorato tutta la vita pensando che bastasse a garantire un’esistenza dignitosa, sono costretti a chiedere un pasto e se ne vergognano. Nelle mense scolastiche, separano i bambini poveri da quelli che le cui famiglie possono permettersi di pagare la retta della mensa! I BAMBINI! Siamo all’estrema razio ed il punto di non ritorno è stato superato, l’Italia è pronta per un’altra marcia su Roma e forse qualcuno la sta già preparando da un po’, STIAMO ATTENTI! La statura morale di tutti coloro che bramano o stanno attaccati con le unghie e con i denti al loro potere è rasoterra, direttamente proporzionale alla loro dotazione di carità, ergo, SONO DEGNI DI TUTTO, anche di quello che noi non riusciamo ad immaginare.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.