CannabisHigh times

Anche la Nuova Zelanda verso la legalizzazione della cannabis: presto il referendum

Anche la Nuova Zelanda verso la legalizzazione della cannabis: presto il referendum

Un referendum popolare per decidere se legalizzare la cannabis da svolgersi entro il 2020. Sono queste le intenzioni del nuovo governo che si è insediato in Nuova Zelanda nello scorso settembre, presieduto dal primo ministro Jacinda Ardern del partito Laburista.

Secondo quanto sostenuto dal Green Party, partito che è parte della maggioranza di governo, è allo studio una misura legislativa che intende regolare la cannabis in modo molto simile al modello di legalizzazione approvato in Canada, da sottoporre al voto dei cittadini neozelandesi.

Ross Bell, direttore esecutivo della New Zealand Drug Foundation, ha dichiarato alla CNBC che nei sondaggi da loro condotti il 65% dei neozelandesi è favorevole a cambiare la legge e che è venuto il tempo di un nuovo sguardo verso la politica sulle droghe.

Attualmente il possesso di droghe leggere in Nuova Zelanda è regolato da una severa legge del 1975, la quale punisce anche il semplice uso personale con pene fino a tre mesi di carcere e multe di 500 dollari neozelandesi (circa 300 euro), la coltivazione con un massimo di 7 anni di carcere e lo spaccio con 8 anni di pena massima. La legge stabilisce anche pene ancora più severe per la preparazione o lo spaccio di derivati della cannabis come hashish, estratti od oli, per i quali si rischiano addirittura 15 anni.

Pene spropositate che non hanno certo limitato il consumo nell’isola oceanica, tanto che secondo le statistiche la Nuova Zelanda risulta il nono paese al mondo con il maggiore consumo di cannabis, che riguarda circa il 13,4% della popolazione.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button