internet controllo twitterLa questione è evidentemente considerata di grande importanza se il Dipartimento della Salute degli Usa ha commissionato una ricerca di otto mesi per analizzarla e studiare contromisure: il messaggio proibizionista perde su tutti i social network, e su Twitter è una vera disfatta.
La ricerca compiuta da quattro ricercatori della Washington University School of Medicine è riassunta in un lungo rapporto, pubblicato dal Journal of Medical Internet Research (Jmir), che spiega come il messaggio pro-cannabis stia trionfando nella battaglia dei cinguettii e propone al dipartimento per la salute delle contromisure per arginare il fenomeno.

L’82% DEI TWEET SUL TEMA E’ A FAVORE DELLA CANNABIS. L’analisi è cominciata da un account antiproibizionista molto popolare negli Usa (@stillblazingtho) ed ha analizzato caratteristiche, interessi e attività di oltre un milione di followers dell’account. Tali caratteristiche sono state stimate sulla base di come viene utilizzato il social network e su diverse informazioni intercettabili dalla rete, compreso gli stili di consumo e linguaggio. Secondo la ricerca: “Dei 2285 tweets inviati l’82,06% erano pro-cannabis, il 17,64% neutrali e lo 0,31% contro la cannabis. Circa il 58,72% dei tweets pro-cannabis sono stati percepiti come scherzosi, il 18.13% ne promuoveva gli effetti benefici e rilassanti, il 15,68% menzionava un uso continuativo o “pesante”, il 10.29% citava accessori per il suo utilizzo, mentre il 9,92% citava altri comportamenti rischiosi per la salute (es. tabacco, alcool, altre droghe, sesso). La maggior parte (72,89%) dei followers non superava i 19 anni”.

“OCCORRE ASSOLDARE CELEBRITA’ CHE POSTINO MESSAGGI CONTRO LA CANNABIS”. Ma interessanti sono soprattutto le conclusioni del rapporto americano, che rappresentano un vero e proprio invito alle autorità a prendere le contromosse per far percepire ai giovani come “cool” il proibizionismo. Si legge infatti: “Gli sforzi di prevenzione possono utilizzare queste informazioni sull’utilizzo di twitter da parte degli account antiproibizionisti per connettersi con gli utenti di Twitter in modo strategico e significativo”. Fino a raccomandare ai professionisti della salute pubblica di “considerare partnership con una celebrità popolare che è disposto a twittare messaggi di promozione della salute sui danni associati al consumo di marijuana” e, personalità che andrebbero cercate specialmente tra i giocatori di basket ed i musicisti, visto che la maggior parte dei followers di questi account che propagano messaggi pro-cannabis sono “studenti e / o musicisti, che hanno interessi nella musica e basket”.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.