Contro-informazioneGeopoliticaIn evidenza

Algeria primo fornitore di gas in Italia. È davvero meglio di Putin?

L'Algeria diventerà primo fornitore di gas dell'Italia. Ma il governo della nazione africana è accusato di non rispettare i diritti umani

Algeria primo fornitore di gas in Italia. È davvero meglio di Putin?

A febbraio, mentre la Russia si preparava a invadere l’Ucraina e l’Europa orientale scivolava verso una guerra che avrebbe cambiato il mondo, un uomo di nome Hakim Debbazi, 55 anni e tre figli, veniva arrestato a casa sua in Algeria. Il motivo era un post scritto su Facebook per i suoi 91 contatti nel quale appoggiava il movimento di protesta Hirak, che dal 2019 chiede la democratizzazione del paese nordafricano.

Il caso di Hakim Debbazi, arrestato per un post social e morto in carcere

Due mesi dopo, Debbazi è morto nel carcere di Kolea. Per le autorità algerine è stata una morte naturale. Per la famiglia e la società civile algerina è stato una morte politica, come quelle di Kamel Eddine Fekhar, avvocato per i diritti umani, e Mohamed Tamalt, giornalista. Entrambi in carcere come Debbazi per aver espresso le proprie opinioni in un Paese nel quale 300 persone sono state arrestate solo nel corso di quest’anno per reati di coscienza. Attivisticronistisindacalisti. Per accuse vaghe come aver minato il morale dell’esercito o danneggiato l’unità nazionale.

È una storia che ci riguarda, perché l’Italia con l’Algeria ha sempre fatto ottimi affari, soprattutto su una linea chiamata Transmed. Un gasdotto che parte dal deserto, attraversa la Tunisia, passa sotto il Mediterraneo e arriva a Mazara del Vallo, in Sicilia. Insieme alla guerra è scoppiata la consapevolezza politica che gli affari che avevamo sempre fatto con la Russia erano diventati all’improvviso impresentabili. Una violazione dei diritti umani, un traffico immorale.

Algeria primo fornitore di gas in Italia. È davvero meglio di Putin?

Dall’Algeria 30 miliardi di metri cubi di gas all’anno

L’Italia ha scelto di diversificare i fornitori senza mettere in discussione il ruolo del gas nel mix energetico nazionale. La strategia è stata sostituire il Grande Dittatore a Mosca con tanti piccoli autocrati locali. Insieme al rischio energetico, abbiamo diversificato anche quello morale. Il risultato è che l’Algeria sta per diventare il primo fornitore italiano di gas, con un picco previsto di circa 30 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Il paese guidato da Abdelmadjid Tebboune si è presentato come affidabile, sicuro e rispettabile. Le storie di Hakim Debbazi, Kamel Eddine Fekhar e Mohamed Tamalt dimostrano che forse non conosciamo abbastanza bene il nostro nuovo partner energetico principale.

Draghi e il presidente Algerino si stringono la mano sul gas
Mario Draghi con il presidente algerino Tebboune

a cura di Valori.it

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button