Creare posti di lavoro, migliorare la rete infrastrutturale della regione del Sahel, rilanciare gli investimenti nella scuola, dando speranze ai giovani ed eliminando le cause profonde che alimentano gruppi armati e instabilità. Sono solo alcune delle ricadute della Grande Muraglia Verde, un progetto che entro il 2030 mira a sottrarre alla desertificazione 100 milioni di ettari tra il Senegal, all’estremità occidentale del Sahel, e Gibuti, nel Corno d’Africa.

A evidenziarle sono stati il 7 settembre i ministri degli 11 paesi fondatori dell’iniziativa e i rappresentanti di diverse organizzazioni coinvolte nel progetto, in occasione della presentazione del primo rapporto sullo stato dei lavori della Grande Muraglia.

Il progetto era stato approvato dalla Comunità degli Stati del Sahel e del Sahara (Cen-Sad) nel 2005 ed è partito due anni più tardi, nel 2007. Obiettivo: costituire una fascia di territorio rigenerato e fertile lunga 7.600 chilometri e larga almeno 15, che faccia da argine all’avanzare del deserto, conseguenza di cambiamenti climatici e riscaldamento globale. Ma anche ripensare l’idea di sviluppo, in un’ottica olistica che tenga in conto la stretta connessione tra rischi ambientali e condizioni socio-economiche.

In 13 anni di lavoro, si legge nel rapporto, sono stati rigenerati circa 18 milioni di ettari di terra.

I lavori di risanamento del suolo e la nuova vita donata agli ecosistemi coinvolti hanno creato circa 350.000 posti di lavoro, generando un indotto da 90 milioni di dollari.

Secondo Amina Mohammed, vicesegretaria generale delle Nazioni Unite intervenuta alla conferenza di presentazione del dossier, è però “troppo poco”. La dirigente dell’Onu ha evidenziato che è necessario fare di più, soprattutto per le difficoltà aggiuntive causate dalla pandemia del nuovo coronavirus.

Secondo lo studio, per raggiungere l’obiettivo previsto dalla Grande Muraglia sarà necessario rigenerare circa otto milioni di ettari di terreno l’anno per i prossimi dieci. Lo sforzo economico ancora previsto è stimato in circa quattro miliardi di dollari.

Fonte: Pressenza





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.