Buone notizie

Abiti a noleggio: anche così la moda si fa più sostenibile

Entro il 2050 l’industria tessile sarà corresponsabile dell’aumento di 2 gradi della temperatura terrestre a causa delle sue emissioni di gas serra. Un traguardo nefasto che richiede delle azioni concrete.

Come annullare la Fashion Week che si sarebbe dovuta tenere a Stoccolma alla fine di agosto 2019 per sensibilizzare il settore della moda e tutti noi che ne fruiamo sul tema della sostenibilità ambientale dell’abbigliamento.

In ogni fase del processo, dal momento in cui viene prodotto fino alla fine del suo ciclo di vita, ogni capo d’abbigliamento ha il suo impatto ambientale, per questo negli ultimi anni diversi brand si sono voluti distinguere nella ricerca di nuovi materiali più ecologici, mostrando che è possibile modificare gli standard nell’industria della moda. Il noleggio, tanto quanto la promozione dell’abitudine al riuso, è un ulteriore passo verso questa direzione.

In Italia il fenomeno, che si posiziona all’opposto del fast fashion e della moda low cost, la sovraproduzione di indumenti a basso prezzo che rincorrono l’ultimo trend ma che non durano nel tempo, sta prendendo piede grazie ad alcune startup attive già da qualche anno che permettono di noleggiore abiti e accessori siano essi firmati da case di moda importanti, vintage o creati da giovani stilisti alternativi.

Non si tratta solo di risparmiare soldi, pescando da un guardaroba virtuale, di certo più ampio di quello che le persone in genere possono permettersi, ma di una nuova opportunità per consumatori consapevoli e responsabili.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.