Il dispensario di cannabis esploso

Il dispensario di cannabis esploso

Un dispensario di cannabis legale è esploso a Forrest Hill, quartiere nella zona nord di Toronto, in Canada. L’esplosione è avvenuta alle 7:30 di mattina, mentre il dispensario era ancora chiuso al pubblico, e ha coinvolto un uomo che si trovava al suo interno, il quale è stato ricoverato in condizioni piuttosto serie per aver riportato una serie di ustioni sul viso e sul corpo. La polizia locale sta indagando sull’avvenuto, ma ancora nessuno riesce a capire cosa sia successo.

Il dispensario era legale e riforniva cannabis dietro ricetta medica. In Canada infatti la cannabis ad uso ricreativo non è ancora legalizzata (anche se dovrebbe essere solo questione di mesi), ma lo è per scopi terapeutici.

Il Tweeder, questo il nome del dispensario, non era però autorizzato a produrre cannabis ma solo a venderla. Tuttavia l’ipotesi più probabile è che a causare l’esplosione sia stato un processo di estrazione, probabilmente attraverso il gas, per ottenere olio di marijuana. Una pratica piuttosto diffusa e condotta anche da molti amatori, ma considerata rischiosa.

Dopo l’esplosione l’intera area è stata recintata e inibita al pubblico, mentre quattro operatori chimici insieme a vigili del fuoco e paramedici sono entrati nell’edificio per mettere in sicurezza il locale e verificare l’eventuale presenza di altri feriti.

Lo scorso 26 maggio la polizia canadese aveva effettuato una serie di controlli in 43 dispensari di cannabis in tutto il Canada per verificare eventuali irregolarità ed aveva effettuato 90 arresti per vari reati, principalmente contro operatori accusati di non rispettare i limiti imposti dalla licenza e di aver compiuto reati fiscali. Il Tweeder non era stato però coinvolto nell’operazione.

La “Coalizione dei dispensari di cannabis in Coloradoha preso le distanze dal Tweeder accusando il proprietario di aver messo a rischio la comunità «impegnandosi in attività illegali che non rientrano nelle linee guida che ogni dispensario è tenuto a seguire».





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.