Contro-informazione

A scuola tira una brutta aria

A scuola tira una brutta aria

Tra tutti i problemi che affliggono la scuola italiana, ce n’è uno più strutturale degli altri, perché lo è nel vero senso del termine: stiamo parlando del degrado degli edifici, vecchi e poco funzionali.

Infatti, forse non tutti sanno che ben il 60% delle strutture è stato costruito prima del 1974, e quasi il 7% risale addirittura all’Ottocento; che solo una scuola su quattro possiede le necessarie certificazioni di agibilità igienico-sanitaria e che il 17% sorge addirittura in un’area di traffico automobilistico pesante. Ora, se si considera che ogni giorno, un esercito di alunni, insegnanti e personale scolastico, trascorre molte ore in spazi comuni così strutturati, dovremmo interrogarci sulla sicurezza e sulla qualità di questi ambienti e intervenire laddove è possibile.

Come? Ad esempio, non sottovalutando la scelta degli arredi e delle vernici, dei materiali che rivestono pareti e pavimenti, dei prodotti usati per le pulizie. Basterebbe un controllo accurato in tal senso per diminuire la presenza di sostanze inquinanti all’interno di aule, palestre e laboratori didattici già mira di agenti biologici, come gli acari della polvere, le muffe dovute all’umidità, i batteri e gli allergeni di varia natura e di agenti fisici, come il radon o i campi elettromagnetici. Una situazione facilmente osservabile che tira in ballo i dirigenti scolastici, il ruolo degli enti locali e, non ultimo, le risorse e le politiche del ministero dell’Istruzione al fine di offrire agli studenti italiani scuole accoglienti, luminose, dotate dei servizi necessari e sicure.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button