locandina“M Come morte…M come mancanza, dove tutti abbandonano tutti, anche se stessi”.Così Bob Arctor (Keanu Reeves), agente della narcotici della contea di Orange, descrive la sostanza M che l’ha reso tossicodipendente. Infatti, pur avendo iniziato ad assumerla soltanto per infiltrarsi nei suoi traffici, Bob perde ben presto il controllo e si distacca progressivamente dalla sua persona e dalla realtà…e noi con lui!

Girando in rotoscoping (la pellicola viene prima impressionata e poi dipinta), Linklater ottiene un effetto straniante ed onirico che è parte integrante del film, inoltre un cast davvero eccezionale (su tutti Woody Harrelson) amplifica al massimo le possibilità espressive di personaggi assurdi e paranoici.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Phillip K.Dick ed è “leggibile” non solo come indagine (per Dick autobiografica) della tossicodipenza ma anche come metafora della condizione di tutti noi:sappiamo troppo poco e quel poco è anche falso.

a cura di Giampaolo Berti





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.