Ecco una notizia che, anche solo per un momento, vi farà desiderare di essere californiani: a Los Angeles è sorto “Howell Cafe”, il primo connubio tra un ristorante americano e un coffee shop, dov’è possibile sia mangiare sia fumare marijuana, nella più totale tranquillità e lontani da occhi indiscreti.

L’idea di questo ristorante è venuta a Kevin Brady, attualmente direttore di Howell Cafè: suo obiettivo era proprio quello di abbattere definitivamente il proibizionismo, facendo assumere al consumo di marijuana una rilevanza pari al bere una birra al pub. Howell Cafè ha iniziato a riscontrare il suo successo già dai primi giorni dopo il suo annuncio, ricevendo addirittura cospicue somme di finanziamento da parte della celebre Miley Cyrus, divenuta ormai una delle investitrici principali.

Ricordiamo che l’uso ricreativo della cannabis è divenuto legale in California a seguito di un referendum sulla legalizzazione nel 2016. Da allora però, nel giro di tre anni, non si sono ancora abbattuti tutti i muri di pregiudizio che ogni società porta con sé, pertanto Kevin ha deciso di creare questa oasi dei consumatori, dove nessuno si può sentire giudicato e dove ci si può ritrovare fare due parole, mangiare e fumare in pace.

Nel menù biscotti alla canapa e nachos con salsa alla cannabis e drink aromatizzati, alcolici o analcolici. Tutte le inflorescenze disponibili, da mangiare e da fumare, sono coltivate dallo staff del ristorante-coffee shop, con l’utilizzo di fertilizzanti 100% naturali come specificato sul sito del ristorante. Sito che, inoltre, mette in mostra un vero e proprio market di Cannabis.

Lowell Café assesta un bel colpo al proibizionismo, poiché ancora molte persone vengono arrestate o sono sottoposte a processo in California, nonostante la legalizzazione, perché vengono sorprese a consumare marijuana  in luoghi pubblici non adatti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.