2015-03-11 03.05.29 pmNELLO SCANTINATO: Il luogo migliore per una grow room è un angolo oscuro dello scantinato, dove è facile mantenere una temperatura costante durante tutto l’anno. Gli scantinati sono ben isolati da pareti di cemento e dal suolo. Possono essere recintati e mimetizzati da roba vecchia, un doppio muro, un banco da lavoro oppure scaffali.

Ulteriore sicurezza può essere offerta installando una porta falsa ad un armadio. La grow room si trova dietro 2015-03-11 03.05.38 pmla porta segreta. Un altro posto segreto, ad eccezzione del possible accumulo di umidità, è un attico. Poche persone si avventurano in un attico che è difficile da raggiungere. Alcuni coltivatori collocano i loro giardini sotto una botola e la coprono con un tappeto. L’autorità giudiziaria non può usare la bolletta della luce come solo motivo per un mandato di perquisizione.

Ma per assicurarsi tale mandato la possono usare insieme ad altre “prove” come tracce di coltivazione indoor visibile dall’esterno, immagini termiche che evidenziano calore, testimonianze da una spia, ecc. Finché la coltivazione di marijuana non è rivenduta o mostrata ad una spia, non ci dovrebbe essere alcun 2015-03-11 03.12.43 pmmotivo di sospetto. La tecnologia delle immagini termiche è facile da superare in astuzia. Basta che si lascino le luci accese durante il giorno per confondere la tecnologia. Oppure raffreddare l’aria di scarico ed espellere l’aria sotto la grow house che deve essere ben isolata: in questo modo non ci sono tracce di calore.

Edifici esterni, garage e fienili non attaccati alle case sono alcuni dei posti peggiori per coltivare la cannabis. Ladri e autorità giudiziarie spesso non hanno alcun 2015-03-11 03.06.00 pmriguardo nell’entrare in un fienile o in un garage per un reato, tuttavia non prenderebbero in considerazione di entrare in una casa. La sicurezza è migliore se il giardino è situato all’interno della casa.

Anche se meno comuni, ci sono anche grow rooms su ruote! Alcuni coltivatori innovativi hanno rimodellato trailer houses (case mobili) ed autobus trasformandole in grow rooms. Una delle mie grow rooms favorite era in un trailer modificato. Un’altra era in un panfilo da 2015-03-11 03.06.12 pmnavigazione da 60 piedi (18 m)!

La dimensione della grow room determina le dimensioni e il numero di lampade. Lampade ad alta emissione di intensità (HID-High Intensity Discharge) che funzionano bene per la coltivazione della marijuana sono disponibili in wattaggi di 150, 175, 250, 400, 600, 1000, e 1100. Wattaggi minori da 150-400, funzionano bene per armadi o spazi da 9-21 piedi quadrati (0.8-2 m2) di area. Usate 600-watt e lampadine più grandi per aree più grandi.

2015-03-11 03.06.25 pmI disegni mostrano diversi progetti di grow rooms: ci sono diversi approci di base per il design e l’allestimento di una grow room. La maggior parte dei coltivatori cominciano con la coltivazione di un gruppo in una singola stanza. Dopo il raccolto di quel gruppo, introducono una nuova partita di cloni. Il fototoperiodo viene cambiato a 18 ore, ed il ciclo continua.

Le installazioni più produttive utilizzano due stanze. La prima stanza è per la coltivazione vegetativa, piante 2015-03-11 03.06.37 pmmadri, e per piantare cloni. Questa stanza dovrebbe essere un quarto delle dimensioni della stanza di fioritura. Quando il gruppo della stanza di fioritura viene raccolto, le piante dalla stanza vegetativa vengono spostate nella stanza di fioritura.

La produttività maggiore è ottenuta con un gruppo continuo. Cloni vengono presi ogni giorno oppure ogni settimana. Ogni giorno alcune piante vengono raccolte. Per ogni pianta raccolta, si svolge un nuovo tagliare.

INSTALLARE LA GROW ROOM – PASSO-PER-PASSO
2015-03-11 03.06.44 pmInstallare la grow room prima di introdurre le piante. L’allestimento richiede spazio e progettazione. Una grow room in costruzione offre condizioni terribili per le piante. Una volta che la stanza è allestita e in pieno funzionamento, sarà pronta per le piante.

PASSO NUMERO UNO: Scegli uno spazio lontano dalla strada, con poco o niente traffico. Un angolo dello scantinato o una camera libera sono perfetti. Una 2015-03-11 03.12.43 pmlampada da 1000-watt HID, installata giustamente, dovrebbe illuminare efficientemente una stanza fino a 6 x 6 piedi (1.8 x 1.8 m). Il soffitto dovrebbe essere alto almeno cinque piedi (1.5 m). Tenete a mente che le piante nei contenitori devono essere sistemate almeno ad un piede da terra (30 cm), e la lampada deve avere almeno un piede di spazio (30 cm) dal soffitto. Ciò significa che alla pianta rimangono solamente tre piedi (90 cm) per crescere. Se la pianta è costretta a crescere in un attico o in uno scantinato con un soffitto basso di 4 piedi (120 cm), ci sono diverse soluzioni che si possono adottare per compensare la perdita d’altezza, incluso clonare, piegare, sfoltire la pianta oppure usare lampade a minor wattaggio.

PASSO NUMERO DUE: Recintare o chiudere la stanza, se non è già stato fatto. Eliminare qualsiasi cosa che non sia pertinente al giardino. Arredamento, drappeggi, e tende possono portare la crescita di funghi. Una stanza chiusa permette facilmente un controllo totale di qualsiasi cosa o persona che entri o esca dalla stanza, anche di chi e cosa accade al suo interno. Per molti coltivatori, recintare la stanza significa semplicemente imbastire l’attico o lo scantinato con pannelli compensati oppure mura di plastica fabbricata e pitturare la stanza di bianco. Assicurarsi che non ci sia luce visibile dall’esterno. Se si deve coprire una finestra, farlo in modo discreto – non deve sembrare barricata. Isolate le finestre e le pareti in modo che non ci siano indizi di calore. Le finestre dello scantinato spesso vengono pitturate per farle sembrare come delle fondamenta. Mettete alcuni oggetti – libri, effetti personali, articoli casalinghi, ecc. – di fronte la finestra, e costruire una scatola intorno agli oggetti così da creare una scena realistica visibile dall’esterno. Di notte, se la finestra non è del tutto coperta e una luce luminosa filtra attraverso un’apertura o una crepa è come un faro che attira vicini curiosi o banditi.

PASSO NUMERO TRE: Coprire pareti, soffitto, pavimento, insomma tutto con un materiale altamente riflettivo come vernice bianca o Mylar (resina polyestere). Maggiore è il riflesso, tanto più è l’energia di luce disponibile alle piante. Un buon riflesso di luce permette ad una lampada HID di aumentare la copertura effettiva dal 10% al 20%, questo semplicemente spendendo pochi soldi per la vernice sulle pareti. La plastica bianca e riflettiva Visqueen® è economica e protegge pareti e suoli.

PASSO NUMERO QUATTRO: Vedere “Installazione della ventola di sfogo” nel Capitolo Tredici. Circolazione d’aria costante e disponibilità di aria fresca sono essenziali ma spesso indufficienti. Ci dovrebbe essere almeno un ventilatore d’aria fresca in ogni grow room. I ventilatori possono essere: una porta aperta, una finestra, oppure un tubo che sbocca all’esterno. Una ventola di sfogo che scarichi all’esterno o che faccia passare aria fresca attraverso una porta aperta normalmente crea una circolazione d’aria adeguata. Nell’installare tale ventola, assicurarsi che non sia in una posizione troppo ferma e troppo soffiante sulle piante più deboli. Potrebbe causare danni dal vento e seccare le piante, specialmente pianticelle e cloni. Se la stanza contiene uno sbocco/apertura per il calore, questo può venire aperto per fornire calore o circolazione d’aria supplementare.

PASSO NUMERO CINQUE: Più grande diventa il giardino, maggiore è il bisogno d’acqua. Un giardino di 10 x 10 piedi (3 x 3 m) può usare più di 50 galloni (190 L) d’acqua per settimana. Trasportare l’acqua è un lavoro pesante, frequente. Un gallone (3.8 L) d’acqua pesa otto libbre (3.6 kg); 50 x 8 = 400 libbre (180 kg) d’acqua per settimana! E` molto più facile far scorrere un tubo di gomma con una valvola on/off oppure installare un rubinetto con un tubo di gomma nella stanza invece che trainare secchi d’acqua. Una bacchetta di 3 piedi (90 cm) attaccata alla valvola on/off del tubo di gomma, rende l’irrigazione più facile ed impedisce ai rami di spezzarsi mentre si annaffia dove le foglie sono dense. Collegare il tubo ad una sorgente d’acqua calda e fredda in modo da facilitare la regolazione della temperatura.

PASSO NUMERO SEI: Idealmente, il pavimento dovrebbe essere di cemento oppure di una superficie piatta che si può spazzare e lavare. Un tombino di scarico da pavimento è molto utile. Nelle grow room con tappeto o pavimenti in legno, un grande, telo bianco anti-goccia da pittore o un grosso, telo bianco di plastica, faranno da protezione sul pavimento per l’umidità. Vaschette sotto ad ogni contenitore aggiungono protezione e convenienza.

PASSO NUMERO SETTE: Montare un gancio abbastanza forte da sostenere 30 libbre (14 kg) per ciascuna lampada. Attaccare una catena aggiustabile o una corda e una carrucola tra il gancio del soffitto e l’attrezzatura della lampada. La connessione aggiustabile renderà semplice il mantenimento della distanza giusta dalle piante e per sollevare le lampade durante manutenzioni.

PASSO NUMERO OTTO: Ci sono alcuni strumenti che un giardiniere deve avere ed altri che in aggiunta rendono l’orticultura indoor molto più precisa e redditizia. Procurare tutti gli strumenti prima di portare le piante nella stanza. Se gli strumenti sono a disposizione quando servono, è probabile che vengano usati. L’igrometro è un buon esempio. Se le piante sembrano crescere lentamente, malaticcie a causa dell’alta umidità, la gran parte dei coltivatori non riesce a scoprire immediatamente la vera causa. Aspettano e tirano ad indovinare, aspettano e tirano ad indovinare, e forse scoprono la causa prima che un fungo attacchi e uccida la pianta. Quando un igrometro viene installato prima che le piante siano portate nella grow room, l’orticoltore sa dall’inizio quando l’umidità è troppo alta da causare una crescita malaticcia.

PASSO NUMERO NOVE: Leggere e completare: “Installazione delle Lampade HID” alla fine del Capitolo Due.

PASSO NUMERO DIECI: Muovere le pianticelle ed i cloni nella stanza. Ammucchiarle vicine l’una all’altra sotto la lampada. Assicurarsi che la lampada HID non sia troppo vicina alle piante piccole così da non bruciare le foglie. Posizionare le lampade da 400 watt 18 pollici (45 cm) sopra le pianticelle ed i cloni. Mettere una lampada da 600 watt a 24 pollici (60 cm) di distanza e una lampada da 1000 watt a 30 pollici (75 cm) di distanza. Conrollare la distanza quotidianamente. Appendere uno spago pretagliato dalla cappa per misurare la distanza.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.