banane_repGira per il web un sonetto in romanesco molto divertente firmato Giuseppe Gioachino Belli, noto poeta italiano vissuto a Roma dal 1791 al 1863.

Ovviamente si tratta di uno scherzo: si segnala l’incredibile attualità dello scritto, ma in realtà quando Belli scriveva l’Italia era ancora un sogno da realizzare e non c’erano ancora atenei che vedevano partire i “cervelli” per altre nazioni. Ma certo erano tempi brutti anche i suoi: tempi terribili, corrotti e oscuri, su cui nei suoi sonetti fa parlare i romani, col loro dialetto così colorito e denso di significati. Ecco il sonetto in questione, che sicuramente Belli avrebbe apprezzato…

Mentre ch’er ber paese se sprofonna
tra frane, teremoti, innondazzioni
mentre che so’ finiti li mijioni

pe turà un deficì de la Madonna
Mentre scole e musei cadeno a pezzi

e l’atenei nun c’hanno più quatrini
pe’ la ricerca, e i cervelli ppiù fini
vanno in artre nazzioni a cercà i mezzi
Mentre li fessi pagheno le tasse

e se rubba e se imbrojia a tutto spiano
e le pensioni so’ sempre ppiù basse
Una luce s’è accesa nella notte.

Dormi tranquillo popolo itajiano
A noi ce sarveranno le mignotte.

 

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.