Una grande esplosione ha scosso il centro di Los Angeles sabato notte. Molti cittadini si sono affacciati in strada temendo un attacco terroristico, ma il botto è stato invece causato da una fabbrica dove si produceva BHO, ovvero olio di cannabis concentrato che viene estratto con l’utilizzo del gas butano. L’esplosione è stata così potente da distruggere un camion dei vigili del fuoco.

Nell’esplosione 11 vigili del fuoco sono rimasti feriti, 4 dei quali sono stati ricoverati nel reparto di terapia intensiva a causa delle severe ustioni riportate, mentre altri due sono stati collegati a ventilatori polmonari a causa dei problemi respiratori causati dall’inalazione dei vapori del gas butano. Fortunatamente nessun pompiere risulta in pericolo di vita.

Secondo quanto riportato dalla stampa i vigili del fuoco, chiamati in seguito ad una colonna di fumo che si era sviluppata dallo stabilimento, hanno iniziato a trattare il rogo come un normale incendio, non essendo stati informati dell’attività condotta nella fabbrica. Tuttavia mentre procedevano i lavori di spegnimento hanno avvertito le esalazioni di gas dall’interno. I pompieri a questo punto hanno cercato di allontanarsi dallo stabile, ma per undici di loro non vi è stato abbastanza tempo e sono stati investiti dall’esplosione. Alcuni di essi sono usciti dallo stabile con la divisa che aveva preso fuoco e sono stati salvati dai colleghi. Nessun cartello illustrava la presenza di bombole di gas all’esterno della fabbrica, motivo per il quale il proprietario è finito sotto indagine.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

L’olio di hashish (BHO) è appunto il risultato di un’estrazione di cannabis ottenuta tramite gas butano. In poche parole l’estrazione si ottiene iniettando gas a pressione in un cilindro all’interno del quale è contenuta la cannabis. Il butano entrando a contatto con la cannabis si lega con i cannabinoidi andando così a creare una miscela ricca di principio attivo che può essere consumata dopo aver atteso che il gas sia evaporato. Si tratta evidentemente di una lavorazione che va fatta con molta cura coinvolgendo una materia prima pericolosa come il gas butano.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.