Il sito archeologico di Gricignano d’Aversa – SPERDUTI ET AL. 2018 _ AMERICAN JOURNAL OF PHYSICAL ANTHROPOLOGY

 

Utilizzavano i denti per aiutarsi nelle operazioni di filatura della canapa, che avveniva probabilmente a mano già nella prima età del bronzo. È la straordinaria scoperta fatta a Gricignano d’Aversa, a nord di Napoli, dove la comunità che ha occupato stabilmente la zona dal 2500 al 1800 a.C. viveva coltivando la canapa e utilizzandola come tessuto.

Il ritrovamento è stato fatto da un gruppo di studiosi italiani e americani, che, dopo aver analizzato centinaia di denti ritrovati negli scheletri della necropoli, hanno capito che le striature presenti nella maggior parte dei denti delle donne adulte analizzate, e in quelli di un uomo, non erano dovute ad abitudini alimentari, ma al fatto che li utilizzassero per aiutarsi nelle operazioni di filatura della canapa.

Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Physical Anthropology, da un gruppo di ricercatori guidati da Alessandra Sperduti del Museo delle Civiltà a Roma, dopo aver analizzato attentamente oltre 3000 denti di circa 200 persone che sono state sepolte durante la prima età del bronzo nel sito di Gricignano.

La studiosa a canapaindustriale.it ha puntualizzato che «La canapa veniva coltivata e manipolata per farne dei filati» e una conferma arriva da un ritrovamento precedente, sempre a Gricignano: piccole parti di stoffa in canapa sono state ritrovate su un pugnale nella tomba di un maschio adulto, perché probabilmente la pianta era stata utilizzata per fabbricarne la custodia.
D’altronde secondo l’antropologo Giorgio Samorini, la canapa in Italia sarebbe arrivata ben 14mila anni fa, molto prima che l’uomo iniziasse a coltivarla. E sicuramente era una pianta utilizzata dai Romani, come testimonia il recente ritrovamento del primo sistema di macerazione da loro utilizzato.

Fonte: canapaindustriale.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.