LEGANERD_037550Il 21 e il 22 gennaio 2011, si è svolta a Roma, presso il Forte Prenestino, la quarta edizione della Cannabis Cup italiana. Dopo più di dieci anni di scappatoie e stratagemmi, quest’anno la Cannabis Cup è finalmente uscita allo scoperto. Un evento decisamente sotto il profilo antiproibizionista, visto che si è svolto in un’Italia, decisamente proibizionista.

25 giudici, scelti in modo svariato, giudicavano senza conoscere lo strain, ne la provenienza, ne tanto meno il metodo di coltivazione. Si è partiti a giudicare prima 9 Outdoor, seguite da 9 Indoor e successivamente è stato provato il fumo. I giudizi si dividevano in visivo, gustativo, olfattivo, inoltre era calcolata anche la “potenza” della pianta.

Ma la vera innovazione, che ha saputo dare attendibilità maggiore al giudizio finale e quindi serietà alla competizione è stato Il CANNALYSE T.H.C. TESTER, che influiva per un 25% sul totale dei voti. La competizione ha visto una buona partecipazione di canapai, grower, breeder, militanti antiproibizionisti ed associazioni per la Cannabis terapeutica, ma soprattutto tanta gente “comune”, soprattutto alla premiazione.

Ivan Vadori
fonte: affaritaliani.it

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.