Screenshot_2016-05-10-10-20-11-1All’interno della V edizione della manifestazione annuale Direfare EcoSolidale, Officina Pinerolese organizza “Cannabis Education – una risorsa stupefacente” il primo evento pinerolese interamente dedicato alla “pianta proibita”. Utilizzata da sempre in tutto il mondo, questa sostanza ha visto nell’ultimo secolo un lento abbandono, tanto nella produzione quanto nella diffusione. Solo recentemente sta tornando a farsi spazio, attraverso un rinnovato interesse sociale ed economico. Perchè tutto questo?
Sabato pomeriggio 28 maggio andremo ad analizzare tutte queste tematiche insieme ad ospiti d’eccezione ed esperti del settore. Piazza Facta verrà gremita di stand e spazi dedicati a workshop, proiezioni e dibattiti dove sarà possibile osservare, assaggiare e toccare con mano i prodotti ricavabili dalla canapa ed interloquire direttamente con gli esperti e con chi lavora in questi ambiti in prima persona. Gli stand presenti saranno: Officina Pinerolese, Birrificio Beba con Birra artigianale alla Canapa, Bjno (abbigliamento e alimenti in canapa), Impresa edile Calcinia Canapa, Growing – Grow Shop Pinerolo, Medical cannabis Club Torino, Presidio Libera “Rita Atria” Pinerolo, Lila Piemonte.
Nel primo pomeriggio vi sarà il Workshop “Usi e costumi della Canapa” dove si tratterà dell’ambito botanico, agricolo, alimentare, industriale, medico. Seguirà il dibattito “Perchè legalizzare la Cannabis?” dove ci occuperemo dell’ambito più prettamente legato alla lotta alla mafia, di giustizia, prevenzione, economico, politico. Inoltre concluderemo la serata in Piazza San Donato con i concerti di alcuni gruppi musicali locali.
Dalle 15,30 all’interno del worskshop “Usi e costumi della Canapa” si alterneranno:

KATIA ZESI dell’associazione Canapa VelleSusa che parlerà della pianta, della sua storia, degli aneddoti. Tratterà l’ambito agricolo, e la risorsa industriale, tessile e alimentare che lega indissolubilmente la Canapicoltura alla nostra società.

LUCIANO RIBERI dell’impresa edile Calcinia Canapa è un artigiano edile della Valle Grana (Piemonte) veterano e pluripremiato di Restructura, la fiera torinese dedicata alla riqualificazione e ristrutturazione. Oltre al riconoscimento dell'”eccellenza artigiana” attribuito dalla Regione, ogni anno porta a casa una targhetta-premio di CNA per le sue realizzazioni con i materiali bio-edili derivati dalla Canapa. Tratterà appunto la canapa come risorsa dell’edilizia.

MEDICAL CANNABIS CLUB TORINO. Pazienti, attivisti e relatori che lottano insieme per promuovere il diritto alle cure naturali derivanti dalla pianta in questione. Vi sarà inoltre la partecipazione di TANIA RE (antropologa, psicologa, naturapata). Insieme tratteranno la Cannabis come risorsa della sanità attraverso gli specifici utilizzi medici e terapeutici che questa pianta offre.

FRANCO CASALONE. Viene considerato “il guru della cannabis”, probabilmente è l’italiano più esperto sull’argomento. Franco ha dedicato la sua vita a questa pianta. Lui è scrittore, coltivatore, ricercatore sul campo ed attivista. Farà approfondimenti e tratterà anche la sostanza in questione in merito all’ambito ludico-esperienziale. Inoltre preparerà sul momento una crema da degustazione ricavata dai semi di Canapa da offrire a tutti.

Dalle 17,30 all’interno del dibattito “Perchè legalizzare la cannabis?” che sarà condotto dal giornalista Davide Larocca (L’Eco Mese) discuteranno fra loro:

FRANCESCO INCURATO. Responsabile del presidio antimafia Libera “Rita Atria” di Pinerolo.

LORENZO CAMOLETTO. Formatore presso l’Università della Strada del Gruppo Abele sui temi legati ai servizi a bassa soglia, coordinatore per il progetto Neutravel (riduzione dei danni nei contesti di divertimento notturno giovanile) e Project Manager del progetto BAONPS (Be Aware On Night Pleasure Safety)

FRANCO CASALONE

MIRKO VACCARELLO. Presidente del Medical Cannabis Club Torino.

MARCO GRIMALDI. Consigliere regionale del Piemonte.

Non è una manifestazione anti-proibizionistica o proibizionistica! È un evento informativo. Il nostro intento è quello di riportare alla memoria la lunga tradizione che lega il nostro paese a questa pianta e di informare famiglie, giovani, istituzioni e cittadini esponendo una realtà importante che non è ben compresa e su cui c’è ancora molta confusione e disinformazione.
Oltre che semplici curiosi, speriamo che all’evento partecipino sia proibizionisti che anti-proibizionisti ma soprattutto speriamo siano presenti quegli individui che tendono ad evitare l’argomento poiché lo considerano tabù. Il confronto costruttivo di pensieri differenti è sempre fonte di forza, crescita e positività.
Per maggiori informazioni sull’evento clicca qui.

 





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.