terrorismo costa d'avorioIn Costa d’Avorio musulmani e cristiani vivono da sempre insieme rispettandosi. L’attacco terroristico di questi giorni, 16 morti, vuole colpire anche questo, ha come obiettivo anche lo spirito di tolleranza.

In più Al Quaeda, che sembra aver firmato l’attacco ad hotel e resort, mette nel mirino un paese attualmente leader della francofonia in Africa, la “ex” colonia per eccellenza, dove c’è un presidente portato al potere dai militari francesi ed i business dei nostri cugini d’oltralpe sono la caratteristica totalizzante dell’economia ivoriana. Si colpisce, insomma, un pezzo di Francia conficcato in Africa.

L’autobomba di Ankara, per ora 37 vittime, è l’ultimo episodio di una scia di sangue annosa, figlia del conflitto irriducibile con la locale minoranza curda. Le speranze di pace e conciliazione sono state soffocate da Erdogan a suon di bombardamenti nelle enclave curde, ma anche da parte di frange dei movimenti curdi refrattarie ad ogni compromesso.

In entrambi i casi, a morire, sono degli innocenti. Ad Ankara chi passava per caso dalle parti in cui è esplosa l’autobomba, in Costa d’Avorio qualche turista europeo in spiaggia e tanti poveri lavoratori locali senza colpa alcuna.

Ho sentito molte volte giustificare queste azioni con frasi che trovo terribilmente oscene. “Abbiamo solo questo modo per farvi capire l’orrore cui ci avete costretto da sempre… per farvi toccare con mano lo scempio provocato dai bombardamenti dei vostri paesi… voi votate i governi che ci fanno guerra e ci sfruttano e quindi siete corresponsabili”. Follia pura e peggio ancora.

Solo per inciso, ed è solo una parte del ragionamento: tra la gente di Ankara poteva esserci mia madre che mi ha insegnato l’orrore per le guerre e la prepotenza e l’attenzione per le ragioni delle minoranze. Nei resort in Costa d’Avorio, tra le vittime, c’erano lavoratori e lavoratrici pagate due soldi, i soliti dannati della terra.

Danni collaterali risponderebbero i teorici di certe simpatie giustificazioniste del terrorismo. Lo stesso ragionamento dei quartieri generali di ogni guerra. Lo stesso orribile cinismo. La guerra è solo orrore, il terrorismo altrettanto.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.