l43-110324130150_bigDomenica 3 aprile 2011 si è svolta la conferenza fondativa nazionale dell’Ascia (Associazione per Sensibilizzazione sulla Canapa Autoprodotta in Italia).

La proposta dell’Ascia è stata presentata a molte tra le maggiori realtà dell’attivismo e dell’antiproibizionismo nazionale che si sono confrontate sulla situazione attuale e sui progetti futuri per delineare una strategia comune.

L’assemblea ha sancito quindi la costituzione ufficiale della nostra associazione e ha intrapreso il suo arduo cammino che consiste nel mettere in rete fra loro le molteplici realtà preesistenti del territorio nazionale attive sull’antiproibizionismo e di coinvolgere le altre componenti sensibili al tema della canapa, allo scopo di creare un movimento che sia in grado di contrastare la repressione e la disinformazione e raccogliere la voce di centinaia di migliaia di cittadini perseguitati e di migliaia di malati che rivendicano il diritto di curarsi con questa pianta e che sia in grado di interloquire con le Istituzioni e alzare il livello di indignazione popolare attraverso una continua mobilitazione, con l’univoco scopo di porre fine alla persecuzione contro i fruitori di questa grande risorsa.

L’obiettivo dell’Ascia è di recuperare a livello scientifico, sociale ed economico l’immagine distorta che la politica governativa impone alla canapa e ai suoi utilizzatori, “sfatare” i miti e le leggende negative che anni di leggi e propagande mediatiche proibizioniste hanno creato e opporsi alla Fini-Giovanardi che ha portato all’attuale clima di repressione e persecuzione. L’Ascia si è proposta come laboratorio per sviluppare strategie unitarie e tutte le associazioni e le realtà presenti (PIC – Luca Coscioni –ARA–Encod–Canapisa–MMM–Lab 57CIC – Forum – Comitato esercenti) hanno convenuto sulla necessità di unire gli sforzi per il raggiungimento dell’obiettivo comune, nel massimo rispetto delle diversità ed ognuno con le sue modalità.

I rappresentanti dei Partiti che sono intervenuti all’Assemblea (Partito Radicale, Sinistra Ecologia e Libertà e Verdi), hanno garantito il massimo sostegno in questa battaglia per la libertà individuale e in difesa della dignità di centinaia di migliaia di cittadini italiani considerati ingiustificatamente criminali.

L’apporto in chiave giuridica dell’Avv. Carlo Alberto Zaina, il supporto scientifico fornito dal prof. Gian Luigi Gessa e il sostegno morale di figure note e stimate come Don Gallo e Jacopo Fo, hanno contribuito affinché l’Assemblea, oltre ad essere un momento di confronto e di proposte, fosse anche l’occasione per approfondire i vari aspetti che orbitano intorno al proibizionismo nei confronti della Canapa.

Dai lavori dell’Assemblea è stata quindi evidenziata la necessità di operare su due fronti: quello istituzionale e quello di base, coniugando l’azione politica di pressione sulle istituzioni con il coinvolgimento della grande massa di assuntori e coltivatori di Canapa italiani e a questo proposito vi invitiamo a tesserarvi all’associazione per collaborare con i gruppi regionali e le commissioni di lavoro e dare il vostro fondamentale contributo.

Saranno comunicate a breve tutte le informazioni relative al tesseramento e ai responsabili regionali, mentre per conoscere i dettagli degli interventi bisognerà aspettare ancora qualche giorno per dar modo ai nostri web master di preparare i video e i file audio.

Per qualsiasi informazione o richiesta: info@ legalizziamolacanapa.org

Un ringraziamento particolare va agli oltre 200 partecipanti che sono intervenuti, a quanti si sono associati, a quanti collaborano e hanno collaborato alla nascita dell’organizzazione e a tutti coloro che nonostante la repressione e la persecuzione continuano sulla strada senza timore avendo il coraggio di metterci la faccia e di prendersi, insieme a noi, la responsabilità di lottare per i propri diritti!

Grazie …ce n’est qu’un debut!

Legalizziamolacanapa.org Team
(fonte: legalizziamolacanapa.org)

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.