A forza di ripetere le stesse cose, si rischia di diventare noiosi. Ma che si può fare se i problemi sono sempre gli stessi?

In un articolo di fine 2019, avevo elencato dei desideri relativi al mondo della cannabis terapeutica, volando alto, immaginando utopisticamente traguardi che avrebbero significato i grandi passi avanti fatti nell’utilizzo di questa terapia.

Poi però, con l’avvicinarsi di fine anno, sono tornato alla (dura) realtà e il 19 dicembre in un post di Facebook scrivevo delle mie previsioni per un brutto inizio anno, con carenza di cannabis terapeutica e interruzione di terapie.
Alcuni gridarono all’uccellaccio nero.

Il 2 febbraio 2020 la situazione era la seguente:
– ancora nessuna consegna dall’Olanda dalla ditta Bedrocan
– ancora nessuna consegna dal Canada dalla ditta Aurora
assenza sempre più diffusa di varietà ad alto THC (Bedrocan 22%, Pedanios 22%, FM1)
nessuna disponibilità di cannabis italiana FM1
carenza di cannabis terapeutica (alto THC e Bedrolite principalmente)
interruzione di terapie

Qualche Kg dalla Bedrocan è arrivato i giorni seguenti, con l’illusoria convinzione che “visto, c’è cannabis!”. Ma i dati che abbiamo a disposizione oggi (poi in futuro si spera sempre le cose cambino in meglio) ci dicono che:
– l’Olanda fornirà lo stesso quantitativo di cannabis del 2019, ossia 750 Kg
– dal Canada arriveranno massimo 160 Kg di Pedanios 22% (nel bando, 20Kg di Aurora 1/12 sono stati annullati e non verranno importati 20Kg di Pedanios 8/8 per la quale ci sono già FM2 e Bediol)
– in base a dichiarazioni ufficiali che parlano di circa 150Kg di cannabis prodotti nel 2019 dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico di Firenze, autorizzato sulla carta nel 2020 a produrre fino a 500Kg. Ma nel 2019 era autorizzato a produrre fino a 300 Kg…

E l’INCB per il 2020 stima a 2 tonnellate (DUE TONNELLATE) il fabbisogno della cannabis medica.

Ma la disponibilità stimata con i dati sopra è praticamente la stessa dell’anno scorso. Solo che nel frattempo i pazienti sono aumentati e continuano ad aumentare, si sono aggiunte due nuove Regioni (Abruzzo e Sicilia) a fornire cannabis terapeutica gratuita (ergo aumento di pazienti).

Come finirà secondo voi, stando così le cose?

Soluzioni: restituire potere ai pazienti. Per davvero. Permettendo di fare conoscere realmente la loro difficoltà/impossibilità di ottenere cannabis.

Come? Ve ne parlerò nel prossimo articolo, essendo un progetto in partenza.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.