High timesIn evidenza

Ospite da un amico che coltiva cannabis: ora rischia fino a 20 anni di carcere

Nonostante in Italia c'è in discussione una legge sull'autoproduzione, e un futuro referendum, si rischiano ancora 20 anni di carcere per la coltivazione

In Italia la cannabis è proibita, ma 1 cittadino su 6 la fuma. Le narcomafie operano in ogni città, e lo spaccio frutta circa 10 miliardi. Piuttosto che ingrassare i criminali, molti preferiscono l’autoproduzione. Lo dimostrano centinaia di growshop e migliaia di e-commerce, specializzati nella vendita di semi e prodotti per la coltivazione.

Però nei tribunali, per l’art. 73 del DPR 309/90, si indaga ancora in base all’efficacia drogante della sostanza. Così, chi auto-produce 1 Kg di cannabis al 26% di THC, per la legge possiede oltre 10mila dosi di droga. In realtà, se l’estimatore produce estratti o edible, può finire quel quantitativo in meno di 3 mesi; e ce ne vorranno circa 6 per un altro raccolto!

Ospite da un amico che coltiva cannabis: ora rischia fino a 20 anni di carcere

Test sull’uomo indicano che l’effetto psicoattivo può sopraggiungere con 5 o 10mg di THC puro. Questo però dipende da diversi fattori, come gli alimenti ingeriti prima dell’assunzione; e l’effetto entourage del fitocomplesso presente nei fiori.

In Italia non si ammette l’esistenza dell’auto-produttore e consumatore responsabile: per Legge sono tutti “drogati e criminali”; infatti finiscono nei guai con la giustizia circa 35mila cittadini l’anno. Non si può chiedere ad un vegetale di limitare la produzione, e chi coltiva cannabis mira a far crescere piante bellissime. Così i fiori prodotti, che vengono accuratamente conservati, si accumulano. La Legge non lo ammette: a Napoli, Domenico Russo, onesto cittadino a tre materie della laurea in psicologia, estimatore e grower (tra i vincitori della Secret Cannabis Cup di Napoli del 2016), viene arrestato perché trovato in possesso di cannabis: il raccolto estivo essiccato e, sotto due LED, 9 piante.

Durante la bella stagione coltiva 10 piante all’aperto; e consuma gradualmente il raccolto. Effettua anche coltivazioni in casa, durante l’inverno, per produrre un ulteriore scorta, sino al raccolto successivo. Capita addirittura che, parte del prodotto, duri anche più di un anno: la curiosità degli estimatori porta a voler provare sempre nuove genetiche, così si ritrovano ad avere piante in fioritura, ancor prima di finire i precedenti raccolti.
Per dimostrarlo Domenico ha assunto un tecnico di parte, altrimenti si sarebbe dovuto accontentare della relazione che, la Polizia Scientifica, elabora con i dati delle analisi sul prodotto sequestrato: quella classica che tiene conto solo del quantitativo totale e delle dosi ricavabili.

Inoltre, a casa di Domenico, si trovava il dott. Giuseppe Nicosia, antiproibizionista ed esperto di cannabis.
I due si conoscono da circa 5 anni, e spesso si ospitano a vicenda per trascorrere insieme le vacanze. Premesso che il dott. Nicosia aveva già un biglietto aereo per tornare in Sicilia, al momento dell’arresto si trovava costretto in casa dell’amico perché sospettava di avere il Covid: raffreddato, aveva deciso di mettersi in quarantena aspettando di fare il tampone al peggiorare dei sintomi.

Un personaggio come il dott. Nicosia, costretto in una casa con piante di cannabis, molto probabilmente si troverà vicino ad esse a sistemarle, controllarle, e/o fotografarle. Occuparsi delle piante è un’attività terapeutica riconosciuta, e risulta normale per un cittadino che ritiene l’autoproduzione uno dei modi per contrastare il narcotraffico.

Eppure l’accusa, per entrambi, è di concorso per la produzione a fini di spaccio. Rischiano dai 6 ai 20 anni di carcere.

Ospite da un amico che coltiva cannabis: ora rischia fino a 20 anni di carcere

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button