gasparriIl fatto che anche in Italia, con il solito ritardo di qualche anno, un dibattito (finalmente meno ideologico) sulla cannabis si sia ormai avviato prendendo spazio anche sui media mainstream, sembra provocare una vera e propria sindrome da accerchiamento tra coloro che fino a pochi mesi fa credevano di essere gli unici depositari del diritto a parlare di droghe e cannabis sui media. Comunità di San Patrignano, Carlo Giovanardi, Giovanni Serpelloni e i suoi sottoposti del Dipartimento Politiche Antidroga, il “compianto” Don Gelmini e pochi altri personaggi che sentivano di avere il diritto esclusivo di scorazzare a piacimento nei talkshow e sui quotidiani, abituati a poter esprimere ogni baggianata senza alcun contraddittorio, con il “giornalista” ridotto al ruolo di semplice reggimicrofono per il loro comizio.

Ma dopo la bocciatura della Fini-Giovanardi qualcosa ha cominciato a cambiare anche in Italia. Nel giro di qualche mese alcune importanti testate mainstream (il gruppo “L’Espresso” su tutte) e scienziati di fama come Umberto Veronesi, hanno trovato il coraggio di prendere parola in favore della legalizzazione, andando (meglio tardi che mai!) ad ingrossare le fila di attivisti, ricercatori e professionisti che da decenni sottolineano i danni provocati dal proibozionismo. Ed anche le grandi emittenti televisive pubbliche e private hanno dovuto cominciare a dare un minimo spazio ad un dibattito (pseudo)scientifico sul tema. Con alcuni esempi oggettivamente imbarazzanti (come il dibattito Giovanardi vs Fedez su La7) ed altri sicuramente migliori (come la puntata dedicata al tema da “Presa Diretta” su Rai3). E’ sicuramente poca cosa, ma a pensare che fino a pochi mesi fa a parlare di cannabis in tv si potevano trovare solo Giovanardi e Gasparri a Porta a Porta o Serpelloni a Uno Mattina, è già un cambiamento.

Ovvio quindi che i baluardi del proibizionismo all’italiana non abbiano preso bene l’arrivo anche solo di un vago accenno di libero confronto sul tema dopo decenni di oscurantismo di stampo medioevale. Come animali feriti la loro reazione è incattivita e scomposta, e cercano ogni giorno nuovi canali per sparare tutte le cartucce che hanno rimasto per alimentare la disinformazione e l’ignoranza sul tema della quale hanno nutrito il loro potere politico. Così i responsabili di San Patrigano provano a riportare in auge la bufala secondo cui le canne sono l’anticamera del buco in vena, la Moratti va in tv a dipingere il quadro apocalittico che porterebbe la legalizzazione (cose tipo orde di pilori di aerei e medici che causano stragi lavorando strafatti), e chi più ne ha più ne metta.

Ora, per l’appunto, è il momento di Maurizio Gasparri, che ha scelto il proprio profilo su Facebook per pubblicare un allucintante grafico dei presunti gravissimi effetti della cannabis (un grafico a suo tempo prodotto dal Dpa, e quindi con soldi pubblici). Si tratta di una serie interminabile di bufale che non meritano neppure una risposta (ma che daltronde abbiamo già analizzato e smentito più volte, ad esempio qui, qui, qui e ancora qui) postate da un politico che da sempre ha fatto del proibizionismo più rozzo la propria bandiera, come quando nel 2008 ebbe la sforontatezza di denunciare la Regione Marche per aver legiferato in favore della prescrizione di cannabis a scopi teraputici per pazienti vittime di gravi malattie.

Non c’è da stupirsi, per l’appunto, e forse non è neppure il caso di dargli troppo peso. La storia va avanti nonostante i tentativi di tenerla ferma al Medioevo. E nonostante gli sforzi di questi personaggi anche i due terzi dei cittadini italiani sono ormai consapevoli dell’irragionevolezza del proibizionismo. Il post di Gasparri ve lo pubblichiamo qui di seguito, nella speranza e nella convinzione che tra qualche anno sarà un reperto storico del quale sorridere pensando che la civiltà, nonostante i Media, i Gasparri e tutto il resto, è ancora capace di muovere dei passi in avanti.

Schermata 2014-10-22 alle 16.44.25
effetti cannabis salute gasparri





27 Comments

  1. Ma io dico tutti parlano che è dannosa la droga. Ma dio cane nn l avrete neanche mai vista forse. Sicuramente nn l avete provata neanche 1 volta e pensate di dire cose sulla cannabis?assagiate e dopo giudicate. È come giudicare qlc1 senza mai averlo visto e senza mai aver parlato con lui. S B A G L I A T I S S I M O I D I O T I

  2. Sono dell'idea che tutte le guerre si intraprendano per motivi economici. Anche quella contro la cannabis. La conferma sta nell'attacco dei Moratti ai quali premono molto i finanziamenti pubblici a San Patrignano della sui società sono i maggiori azionisti. L'interesse di costoro è quello di includere nelle comunità anche gli assuntori di erba.

  3. bella teoria ma non mi serve farmi di eroina per sapere che crea dipendenza. non mi serve buttarmi da un palazzo per sapere che all'impatto muoio. non mi serve lasciare del burro fuori dal frigo per un anno per sapere che irrancidisce

    l'antiproibizionismo fallisce e fallirà sempre in italia perchè i fattoni sono ancora più irrazionali di giovanardi e compagni di merende

    la cannabis come tutte le altre droghe ha dei pro e dei contro

    i proibizionisti vedono solo i contro e li esasperano: la cannabis non brucia i neuroni, non crea dipendenza fisica, non rende schizofrenici, è praticamente impossibile che faccia saltare fuori problemi mentali latenti, sicuramente non altera il DNA et cetera

    gli antiproibizionisti della domenica mattina vedono solo i pro e li esasperano: la cannabis NON cura il cancro (anzi lo provoca allo stesso modo delle sigarette se assunta tramite combustione), non è la panacea a tutti i mali di questo mondo, come farmaco è solo un palliativo e non cura assolutamente niente ma rende solo più sopportabili i sintomi, può creare dipendenza psicologica come ogni altra droga et cetera

    la gente che ragiona invece di sparare boiate per difendere la propria ideologia vede entrambi i lati della medaglia, come umberto veronesi, che conosce benissimo gli effetti benefici e dannosi della cannabis ed è arrivato alla saggia conclusione che proibire non funziona (la storia lo insegna piuttosto bene) e che la soluzione migliore è liberalizzare e/o legalizzare

  4. E' BUFFO CHE L'ULTIMA PAROLA DI QUELLA SPECIE DI SCHEDA SUGLI EFFETTI DELLA CANNABIS SIA PROPRIO ALCHOOL…

  5. Francesco Sarri IL PROBLEMA E' PROPRIO QUESTO CHE LA CANNABIS NON E' UNA DROGA E NON BISOGNEREBBE CONSIDERARLA TALE

  6. Alchool si e marijuana no?allora cpn la ganja ti addormenti o cmq nn sei esaltato. Con l alcool invece si diventa delle bestie cattive. Gnagna 4ever

  7. Tribu Lone mancava la cazzata finale, quella per cui il fattone medio non è preso in considerazione (e a ragione)

    la cannabis modifica il funzionamento del cervello, quindi È una droga.
    il gioco d'azzardo è una droga.
    gli sport estremi sono una droga.
    il sesso è una droga.
    il lavoro è una droga.
    la camomilla, il the, il caffè, la cioccolata: tutte droghe

    sono tutte droghe, non tutti ne sono dipendenti. concetti diversi, sai?

    e forse non hai ben presente la differenza tra dipendenza fisica e psicologica.
    -dipendenza fisica: alcune droghe la provocano. alcool, cocaina, caffeina, teobromina, eroina, morfina, nicotina… certe ci metton tanto tempo altre poco
    -dipendenza psicologica: TUTTE le droghe POSSONO provocarla. i giocatori d'azzardo compulsivi sono del tutto dipendenti, eppure non assumono nessun tipo di sostanza e se smettono non stanno fisicamente male, solo mentalmente

    studia, informati, cresci e magari la smetterei di fare figure di merda sparando boiate per sembrare alternativo

    (cazzo le piante di ganja nel profilo fb, poi ci chiediamo perchè il mondo va a puttane)

  8. per portare avanti la causa assolutamente giusta ed opportuna dell'antiproibizionismo devi ragionare e capire, non essere ignorante come i proibizionisti.

  9. Francesco Sarri, sono d´accordo con tutto quello che hai detto, tranne una cosa, la cannabis non puó provocare il cancro, anzi impedisce alle cellule tumorali di riprodursi e col tempo le uccide. quindi ha effetti curativi su qualcosa. aiuta il cervello a far funzionare bene il corpo, ecco perché allevia i sintomi del parkinson e di altre malattie che provocano difetti nella comunicazione tra cervello e corpo

  10. "Crea disturbi sessuali"…. è vero! Aumenta le potenzialità…. viagra naturale 😉

  11. Manuel Bigjune Jhurree says:

    crea problemi sessuali??… intendono forse he la cannabis ti faccia diventare omosessuale o farti credere di voler diventare Transessuale?? .. AL LIMITE DEL RIDICOLO

  12. Jonatan Bernareggi sai di cosa stai parlando? sembra di no. qualsiasi pianta se fumata provoca cancro, che sia tabacco cannabis rosmarino o salvia. discorso diverso se vaporizzata o ingerita ovviamente

    la cannabis NON cura il cancro. si stanno studiando farmaci a base di cannabis che al massimo rallentano i tumori, ma siamo parecchio distanti da risultati convincenti

    "aiuta il cervello a far funzionare bene il corpo"… in quale libro di medicina o pubblicazione peer reviewed hai trovato questa affermazione? oltretutto la sua efficacia nel tamponare i sintomi del parkinson è assolutamente marginale. fa sicuramente meno male degli altri farmaci che si usano in casi del genere ma essendo anche decisamente meno efficace non vi è questa gran convenienza

    non scrivete cazzate che avete letto sui siti dei fattoni che "la cannabis non fa male", "la cannabis non crea dipendenza", "ci si possono fare le auto e le medicine" et cetera. l'antiproibizionismo è una questione prima di tutto economica e sociale, non medica. non riuscirete mai a convincere un proibizionista che la ganja fa bene, dovete convincerlo che è anche nel suo interesse liberalizzare/legalizzare (più soldi allo stato, meno arresti, meno processi, meno gente in carcere per puttanate, più polizia per cose davvero importanti)

  13. tutti dicono che la cannabis fa male,ma almeno lo avete provato x poterla giudicare cosi,l unica droga che fa male e la sigaretta,la cocaina e tutta quella merda che si tirano i tossici fa male ma nn solo ti manda diretamente al cimitero,la cannabis nasce solo come una pianta normale cm tt le altre piante esistenti sulla terra ,i politi ci che si fanno di cocaina nn sanno un ca..o di come viene usata e cosa puo guarire la cannabis,

  14. Francesco Sarri allora, per prima cosa, henry ford l´ha fatta un´auto in cannabis, nel 1941, con telaio in cannabis, gomme in cannabis, interni in cannabis e che andava con una miscela con il 10 % di etanolo di cannabis. e questo puoi stare sicuro che non lo trovisolo sui siti dei "fattoni". era stata costruita perché ford faceva parte di un movimento chiamato chemurgia che voleva tutelare il settore dell´agricoltura integrandolo alle necessitá dellíndustria perché stava scomparendo a causa del boom del settore industriale. non era interamente in cannabis ma per la maggior parte sí. questo non implica che dovremmo tutti incominciare ad usare auto di cannabis ma da solo un esempio sull´utilitá di questa pianta

    secondo, la mia espressione "aiuta il cervello a far funzionare bene il corpo" era solo un modo per accorciare, ora mi esprimeró meglio. il tetraidrocannabinolo o THC (sintetizzato per la prima volta nel 1964 da rafael mechoulam), uno dei principi attivi della cannabis, é molto simile a delle sostanze prodotte dal nostro cervello chiamate endocannabinoidi, scoperte solo alla metá degli anni `80. queste sostanze regolano l´assorbimento energetico del nostro organismo, il movimento degli elementi nutrienti, il loro metabolismo e la loro conservazione. inoltre regolano diverse funzioni del sistema nervoso, dell´apparato cardiaco e del sistema immunitario, in piú hanno aiutano il nostro sistema nervoso a comunicare avendo una funzione di messaggeri fra una cellula recettiva e l´altra. il THC agisce esattamente come gli endocannabinoidi, ció significa che le persone con malattie in cui questo sistema non funziona bene,ad esempio la sclerosi multipla (mi correggo da prima, ho detto parkinson ma ho sbagliato) hanno buoni miglioramenti su alcuni sintomi, ad esempio il controllo degli arti. e giá le prime ricerche hanno riscontrato che i fumatori abituali di cannabis hanno MENO probabilitá di avere il cancro rispetto a chi NON fuma NIENTE. la cannabis non fa venire il cancro, certo, la cannabis non é la cura per eccellenza al cancro, ma in alcuni casi puó curare e ha curato il cancro. non é vero che lo cura sempre ma delle volte sí.

    terzo, non credere di essere l´unico che ha una minima idea di cosa stiamo parlando e che ha letto da delle fonti attendibili. siamo qui per discutere su un´argomento importante e credo che il rispetto per le osservazioni degli altri sia dovuto, prima di classificarle come cazzate ragionaci come hai fatto nelle ricerche che hai fatto tu e pensa che magari anche qualcun´altro ha fatto delle ricerche. siamo qui per confrontarci, non per esprimere il proprio parere e imporlo come legge. se non sei d´accordo con quello che dico invece che provare a farmi fare la figura dell´idiota che ha visto un post su facebook con scritto: "la cannabis é la miglior medicina al mondo" e allora ci crede cecamente e lo spara in ogni post o articolo sull´argomento. potresti invece chiedermi come sono arrivato a quella conclusione e spiegare come la vedi tu, e da li´si puó costruire un´interessante conversazione in cui si confrontano richerche, fonti, riflessioni e punti di vista sull´argomento. non credi?

  15. Jonatan Bernareggi guarda che wikipedia so leggerla pure io 😉

    -so benissimo che è utile come materia tessile, combustibile e per produrre carta, e conosco perfettamente i motivi per cui è stata proibita negli stati uniti mi pare nel 37. questo non cambia il fatto che sia una droga. meno pericolosadi tante altre, crea meno dipendenza, quello che ti pare. resta una droga
    -hai presente le endorfine? sono assolutamente fondamentali nel funzionamento dell'organismo. la morfina e l'eroina mimano gli effetti delle endorfine come la cannabis mima gli effetti degli endocannabinoidi. non necessariamente è una buona cosa ti pare?
    -"aiutano il nostro sistema nervoso a comunicare avendo una funzione di messaggeri fra una cellula recettiva e l´altra". questa me la devi proprio spiegare bene e nel dettaglio perchè non è un gergo propriamente medico
    -mai detto che non abbia o possa avere effetti benefici su alcune malattie. ma non è certo una cura, solo un palliativo
    -"i fumatori abituali di cannabis hanno MENO probabilitá di avere il cancro rispetto a chi NON fuma NIENTE". se riesci a portarmi qualche articolo peer reviewed che affermi questo ok, ma dubito altamente di questa teoria (ovviamente parlando di fumare, vaporizzare è tutta un'altra storia)
    -NON CURA IL CANCRO. come non lo cura l'omeopatia, il bicarbonato, la dieta basica-vegana-fruttariana-macrobiotica-crudista e tutte le altre stronzate da stregoni del nuovo millennio. succede che un cancro "guarisca" da solo (il sistema immunitario serve a questo), uno casualmente è anche fumatore/assuntore abituale di cannabis e via a dire che è stato quello a salvarlo. non credere a tutto ciò che circola su internet
    -so che c'è chi ne sa più di me sull'argomento. il problema è che ne ho incontrati davvero pochi. tu credi di sapere un sacco di cose, molte sono evidentemente sbagliate ma non perchè lo dico io, perchè lo dice la scienza.

    io sono favorevole alla legalizzazione/liberalizzazione (preferirei la seconda ma mi so accontentare), sono un fumatore semi abituale, e conosco tutti i rischi che corro.
    ho conosciuto ex eroinomani che dicevano che l'eroina fa meno male degli allucinogeni, quando è stato ampiamente dimostrato il contrario (anche se c'è ancora gente che crede alla storia dei tipi che si buttano dalle finestre credendosi superman). mi dispiace mettere in crisi le tue convinzioni, anche io all'inizio credevo che fosse tutto rose e fiori e nessun effetto collaterale, poi sono crescuto

    see you space cowboy

  16. leggi il commento di luigi sogos più in basso e capirai perchè l'italia non è assolutamente pronta alla legalizzazione 😀

  17. Francesco Sarri hai ragione, ahahahaha ma prima o poi succede, é cosí palesemente stupido avrla resa illegale e tutti o quasi lo sanno quindi che l´italia sia pronta o no fa poca differenza.

  18. comunque tornando al discorso di prima, non ho letto le informazioni su wikipedia, tra l´altro adesso guardo cosa c´é scritto.
    riguardo al linguaggio poco scientifico mi scuso ma non ho nessun titolo di studio in questo campo e stavo solo cercando di esprimere quello che ho imparato leggendo qua e la. diciamo che non ho il tempo di andare a ritrovarmi làrticolo o il sito o la rivista o la relazione che paarlava di quello specifico argomento per rileggerlo e sintetizzarlo per rispondere ad un commeto di una persona sconosciuta in un post che ho letto per caso.

    su quello che dici sulle endorfine etc. lo riconosco, molte altre droghe hanno principi attivi molto simili a sostanze prodotte dal nostro corpo, anzi, c´é anche chi si fa di adrenalina, la quale é una sostanza prodotta dal corpo come tutti sanno. il problema é che ci sono livelli molto diversi di danni provocati. l´eroina provoca danni molto piú elevati rispetto alla cannabis, non sono neanche paragonabili tra di loro. io comunque ho introdotto quel discorso non per dire le la canapa non fa male, ma per spiegare come questa agisce e il perché di cosí tanti poteri curativi. detto questo devo fare un passo in dietro, é vero che la cannabis non é la cura per ogni cosa ma aiuta in tantissime situazioni differenti. e comunque, come ho detto gli endocannabinoidi regolano anche il funzionamento del sistema immunitario,quindi anche il THC puó influire sullo smaltimento delle cellule tumorali.

    sulla dipendenza secondo me, essendo una dipendenza psicologica e non fisica dipende molto da persona a persona, io personalmente ho fumato per quatro anni e in questi quattro, per almeno tre anni fumavo piú canne al giorno. quattro mesi fa ho constatato che non volevo piú andare avanti cosí e ho smesso. per tre mesi non ho fumato e adesso fumo solo occasionalmente. sinceramente, smettere non mi ha dato nessun problema, e dopo tre anni a umare tutti i giorni piú volte al giorno potevo considerrarmi un consumatore regolar di cannabis. quindi per esperienza personale ti posso dire che a me non ha dato dipendenza. questo non toglie che altre persone possono trovare difficoltá piú grandi nel smettere, essendo una dipendenza psicologica dipende molto dalla persona che sei e da quanto sei forte mentalmente.

    e non ho detto che ci puó essere gente che ne sa piú di te, intendevo dire che ogni argomento é articolato in diversi "rami", e per fare un esempio magari tu conosci alcuni rami sull´argomento e qualcun´altro ne conosce altri, ció non mplica che uno dei due conosce piú dell´altro, ma se ognuno spiega alláltro i rami che conosce di sicuro entrambi ne traggono vantaggio. magari si ha la conoscienza dello stesso ramo ma con particolari diversi. non credi?

    fu giá il primo ricercatore che si interessó all´argomnto cannabis, incaricato dallo stato che aveva appena iniziato la campagna anti marijuana a constatare che la cannabis ha effetti benefici contro il cancro. non ricordo il nome del ricercatore ma se mi viene in mente entro domani lo metto. comunque questo dovrebbe rispondere alla tua domanda.

    so bene anche io che la marijuana non é tutta rose e fiori, manon é nemmeno come molti la dipingono, ad esempio il nostro caro gasparri.
    sta di fatto che secondo me, se tutti quanti ogni tanto si facessero una cannetta invece che combinar casini vivremmo in un mondo migliore.

  19. Jonatan Bernareggi nemmeno io ho nessun titolo di studio in materia. mi sono solo informato parecchio
    dico solo che le gente dovrebbe conoscere i pro e i contro senza sbilanciarsi da nessuna delle due parti
    fosse per me legalizzerei tutto senza distinzioni, solo ai maggiorenni, limite massimo per persona al giorno tramite tessera sanitaria o qualcosa del genere, se guidi strafatto ti levano la patente come per l'alcool, sensibilizzazione nelle scuole, prezzi bassi per non far preferire il mercato nero. tanto chi già si fa lo farebbe comunque anche se è illegale, chi non si fa non lo farà neanche se diventasse legale ma almeno ci si guadagna e la gente la smette di morire di overdose per roba tagliata troppo poco o con veleni, meno aids e hiv se si mettono distributori gratuiti di siringhe, la mafia perde una fetta importante del suo business. semplice e comodo.
    non succederà mai ma mi piace sognare

  20. Ju Kulele says:

    Complimenti per l'articolo. Questo Gasparri suscita pena e commiserazione; la stupiditá, la banalitá e la superficialitá con cui affronta il suo "impegno" politico ha del fenomenale. Purtroppo immagine di una classe politica semplicemente ignorante e confusa. Consiglierei anche a lui di informarsi un po', magari guardando appunto la ben citata puntata di "Presa diretta" – andata in onda poco tempo fa su Rai 3 -: Riccardo Iacona docet.

  21. Tra le grandi gesta di Gasparri in tema di cannabis, me ne ricordo una particolare, in seguito ad un arresto avvenuto poco poco dopo l'entrata in vigore della Fini-Giovanardi: un ragazzetto "reo" di aver passato la canna accesa ad un suo coetaneo (d'altronde la nuova legge vietava perentoriamente la "cessione" di stupefacenti, qualsiasi essa fosse la modalità). Lo stesso Giovanardi (ripeto… Giovanardi) commentò l'operato dei carabinieri come "eccesso di zelo". Gasparri :"Hanno fatto bene! è uno spacciatore!".
    A volte mi chiedo se fenomeni di questo tipo non siano a modo loro, una benedizione per la causa antiproibizionista. Poi vedo come abbia già collezionato 5 legislature, raggiungendo ora una delle più alte cariche dello stato (la Vicepresidenza del Senato) e lo sconforto prende il sopravvento.

  22. Loro vanno a" bianca",che come risaputo non è una droga,e di fatto si parla sempre e solo dei presunti danni da Cannabis,che è una medicina( vedi nei paesi civili),diversamente dalla cocaina,e sopratutto dell'alcool,responsabile di circa 60/70.000 morti all'anno,stima al ribasso naturalmente,a proposito a s.patrignano la comunità coltiva e spaccia 500.000 bottiglie di vino(ma credo molte di +),dov'è la coerenza?

  23. Scusami ,ma ti sei dimenticato dell'alcool,droga pesante x eccellenza!!!

  24. ma tu parli di droga o di cambiare sesso ma muori da solo

  25. Manuel Bigjune Jhurree says:

    Luigi Sogos tu non hai letto niente allora non hai voce in capitolo grazie

  26. E comunque vada, uno sà quali "problemi"potrebbe dare fumare.. ma anche le sigarette sanno benissimo tutti a cosa portano .. eppure la gente lo fa stesso. Quindi se mi voglio sballare e faumare marijuana sono coscente di quello che faccio francesco sarri

  27. Francesco Vezzoli says:

    Francesco Sarri allora non tutto è perduto! esiste qualcuno che sa usare l'intelletto in modo critico. 😀
    credo che questa review potrebbe interessarti:
    http://m.pnas.org/content/111/47/16913.full.pdf

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.