Coffee Shops In Amsterdam Remain Open To Tourists

Il braccio di ferro dura da due anni e ora, dopo una nuova offensiva diplomatica, rischia di finire in tribunale: tornano accesi i toni tra Belgio e Olanda sulla localizzazione alla frontiera tra i due paesi dei coffee-shop, i locali dove si può fumare liberamente hashish e marijuana. Nessuno vuole il turismo dello spinello. In Olanda, che pure consente i coffee-shop, non lo vuole il comune di Maastricht che non desiste dall’idea di spostare almeno la metà dei quindici bar del fumo dal centro della città in zone periferiche di frontiera. Ma non ne vogliono sentir parlare neppure i vicini del Belgio che si oppongono con tutte le loro forze contro questa scelta.

L’ultima puntata dello scontro è andata in scena con una mobilitazione generale dei sindaci di una decina di comuni belgi di frontiera che hanno tenuto un ‘vertice’ nella cittadina di Vise’. A dare loro manforte il ministro degli interni belga Patrick Dewael e quello della giustizia Jo Vandeurzen, nonché i governatori delle province di Liegi e del Limburgo. Insieme hanno tracciato la strategia da seguire nei confronti del sindaco di Maastricht, Gerd Leers, ‘colpevole’ di non rinunciare al suo progetto di delocalizzazione. Se il sindaco olandese dovesse fare ancora orecchie da mercante, sostengono in Belgio, non resterà altra strada che quella dei tribunali. La Corte di giustizia del Lussemburgo potrebbe essere chiamata ad esprimersi sul rispetto dello spirito del trattato di Schengen.

Il sindaco di Maastricht, per niente contento del via vai di migliaia di ragazzi dal Belgio ma anche dalla Francia e dalla Germania che solo per poche ore soggiornano in città per comprare un po’ di fumo e ripartire, risponde piccato di non comprendere la posizione dei belgi dato che nel Paese è autorizzato il possesso di cannabis per uso personale, ma poi per gli acquisti i loro ragazzi devono recarsi in Olanda.

fonte: Notiziario Aduc

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.