Viaggi e avventure

L’esperienza della vendemmia in una delle patrie storiche del vino

paesaggio-lungo-la-route-des-grands-cru

La Borgogna (Bourgogne) è un’ampia zona ricca di colline e campagne che si trova nel centro/est della Francia, verso la svizzera e la costa azzurra per intenderci, particolarmente nota per l’ottima qualità dei suoi numerosi vigneti e quindi dei suoi vini, esportati in tutto il mondo. E’ lì che io, Luca, Ilaria e un pò di amici abbiamo deciso di andare per provare l’esperienza della vendemmia; partiti da Padova in autostop, zaino in spalla, stavolta senza chitarra (scelta della quale inizieremo a pentirci già a metà del viaggio!!) ma con una giacca in più rivelatasi preziosa per la fredda notte passata nell’autogrill francese.

Sono dolci e morbidi pendii che ci accompagnano da Lione fino a Beaune, e laghi, campi di ortaggi, fiumi, minuscoli boschetti sparsi qua e là, un paesaggio grandioso che ci sentiamo di dominare completamente dalla cabina di un camion! Il sole è tiepido, la luce diffusa getta un ombra di immensità su ogni pietra; la sosta al duecentesco convento di Beaune, dopo circa una decina di ore di viaggio ci riporta alla meditativa vita dei monaci medioevali, qui scopriamo che il paese è magnifico e che le numerose cantine secolari non possono più ospitare come una volta le botti di vino perché, così ci dicono, le micro vibrazioni del traffico stradale moderno ne rovinerebbero l’invecchiamento.

La Borgogna si riconferma ai nostri occhi come una delle patrie storiche del vino (letteralmente il perno di quasi ogni attività, dai piccoli negozi ai grandi alberghi…) e le sue piccole conche tra le colline sono ricoperte di monocoltura a vite, alternate a piccoli boschi di noci, querce, pini selvatici e qualche castagno insieme a verdi pascoli per bovini da latte e carne. Le viti a differenza dell’Italia sono piccole, alte poco più di un metro, e l’uva cresce a pochi centimetri dal suolo, per raccoglierla bisogna dunque chinarsi, particolare questo che non avevamo considerato alla partenza e che presto ci porterà a fare i conti con vari dolori alla schiena e alle gambe.

Tra i filari passano i tipici trattori sgangherati che da trent’anni a questa parte aiutano i lavori del contadino e l’esperienza si rivela ricca di soddisfazione: svegliarsi presto, essere nel campo alle otto e veder sorgere il sole con l’aria fredda sulle guancie ci dà un senso di vera felicità, la fatica passa in secondo piano, anche grazie alle numerose pause durante le quali ci viene regolarmente servito vino a volontà, tanto che una delle cose più belle sarà proprio l’aspetto del bere mangiare…un’abbondanza e una qualità alle quali non ci abbandonevamo da tempo!

La mattinata di lavoro si conclude a mezzogiorno per un veloce ma colossale pranzo chez Jean Marc (il boss…) per poi riprendere nel primo pomeriggio e chiudersi definitivamente col calare del sole. La cosa che più ci ha colpito è il genuino clima di festa che è indissolubilmente stretto al lavoro della vendemmia, come una volta la raccolta dell’uva è prima di tutto una festa, si viene a creare un clima di semplice intesa e collaborazione tra le persone chine nei filari, un clima fatto di scherzi, di risate, di incazzature, insomma di UMANITA’, quella cosa che dentro un ufficio in città è tanto difficile trovare ancora.

Passeggiando per i villaggi locali nel tempo libero che ci rimane veniamo colpiti subito al primo sguardo dai tetti spioventi fatti di tegole quadrate in legno dipinte di nero, giallo, verde, rosso, dorato, e incastrate tra loro a formare motivi geometrici regolari: quadrati, rombi, contorni zigzagati; e si continua restando affascinati dalle piccole viuzze che scompaiono dietro la lunga e dolce curvatura irregolare degli edifici.

Immagine-51

La città principale e capoluogo è Digione, Dijon in francese, che dopo chilometri di colline verdi ti accoglie con eleganti, curati e lussuosi boulevard alberati; qui è dove si produce la famosa senape, che in Francia però viene chiamata mostarda, la esportano in tutto il mondo ma questo non li ha arricchiti troppo se non nell’apparenza, ostentatamente lussuosa, tale da valergli l’appellativo di falsi ricchi, come li chiamano i loro vicini della provincia. La Borgogna resta, tutto sommato, una regione che in questi anni di globalizzazione e confusione ha conservato le sue caratteristiche, la sua socialità, i suoi paesaggi.

E ancora oggi, vedendo il sole tramontare tra le nubi rosa e illuminare di squarcio le pareti in pietra calcarea ricoperte di edera rosso scuro o osservando le sterminate dolci colline verdi ricoperte di manto boschivo e minuscoli appezzamenti regolari di vite dove il giallo terra sfuma in arancione spento e rosso bordeaux, si capisce che non è poi cambiato molto, che i vecchi borghignoli sono sempre dei simpatici rudi e maldestri contadini con naso e guance rosse sempre pronti a versare un bicchiere di vino per sè e per gli altri; che a quel rosso si accompagna sempre bene un formaggio cremoso e filante o una salsiccia di Manteau, che questa regione graziata per la ricchezza di acqua e natura continua senza troppi sbalzi o urti, nella placida attesa della maturazione di quei grappoli bruno dorati.

Samuel Bregolin

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.