GeDcucine-laventa-04

Fino a quando non si notano gli uomini in tuta arancione che si arrampicano intorno, è difficile comprendere le dimensioni straordinarie di questa foresta sotterranea di cristalli. Questa grotta, a circa 300 metri sotto il deserto Chihuahua del Messico, è stata scoperta da due fratelli che perforavano la miniera Naica di piombo ed argento. È una visione magica. Ci sono fino a 170 obelischi giganti e luminosi, il più grande lungo 11 metri circa ed equivalente all’altezza di sei uomini, che si protendono lungo la grotta come pali della luce aggrovigliati; e la roccia umida delle loro pareti è coperta da un mucchio di cristalli affilati come lame.

Si sono formate dalle acque sotterranee impregnate di solfato di calcio, il quale riscaldato da un’intrusione di magma circa un miglio più in basso, è filtrato attraverso l’impianto della grotta milioni di anni fa. 600.000 anni fa circa, quando il magma ha iniziato a raffreddarsi, i minerali si sono precipitati fuori dall’acqua, formando, con il passare dei secoli, piccoli cristalli che sono cresciuti e cresciuti fino al 1985, quando i minatori hanno prosciugato inconsapevolmente la grotta abbassando la tavola d’acqua tramite le pompe da miniera.

Dal momento che i cristalli assomigliano a ghiaccioli giganti, la foto suggerisce che dentro la grotta faccia molto freddo, ma l’apparenza inganna. Infatti, la temperatura è soffocante e di 112 F (circa 45 C), con un’umidità del 90-100%. Questo è il motivo per cui gli speleologi indossano tute protettive e trasportano degli zaini d’aria raffreddata da ghiaccio. Queste condizioni ed il fatto che ci vogliono 20 minuti di cammino per arrivare nella grotta, attraverso una miniera di obelischi contorti, non hanno scoraggiato i saccheggiatori, che hanno provato a prelevare uno dei cristalli, senza riuscirci fortunatamente. Ora la grotta è dotata di una porta di acciaio pesante in modo da preservare questa splendida meraviglia per generazioni a venire.

fonte: dailymail.co.uk

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.