La cannabis continua a dividere in due il mondo della medicina, della politica e dell’immaginario comune. E mentre lo fa Netflix è appena uscita con Disjointed, una nuova serie televisiva dove il tema principale è proprio la marijuana. La storia è suddivisa in 20 puntate della durata di mezz’ora e sulla piattaforma di Netflix risulta essere vietata ai minori di 14 anni.

Ruth Whitefeather Feldman, interpretata da Kathy Bates, è una madre che veste in stile hippie, ex avvocato che per tutta la vita ha lottato in favore della legalizzazione della marijuana. Insieme al figlio Travis, interpretato da Aaron Moten, riesce a realizzare il suo sogno: aprire un dispensario per la vendita e il consumo di erba, il Ruth’s Alternative Caring.

L’attrice Kathy Bates vinse due Golden Globe e un Oscar come miglior attrice in Misery non deve morire. La rivediamo in diverse pellicole cinematografiche come Pomodori verdi fritti alla fermata del treno, Titanic, I colori della vittoria A proposito di Schmidt. Questa volta all’età di 69 anni presta il suo talento al produttore Chuck Lorre, talentuoso ideatore di sitcom come Due uomini e mezzo e The Big Bang Theory.

Ma c’è di più: per aumentare i riflettori su Disjointed Netflix ha messo in vendita (solo per questo fine settimana e solo in alcuni dispensari della California) delle varietà di marijuana ispirate ad altre sei serie televisive americane di successo. Dieci varietà in tutto, tra le quali: Poussey Riot (Orange is the New Black), Prickly Muffin (Bojack Horseman), Banana Stand Kush (Arrested Development), Camp Firewood (Wet Hot American Summer), Baka Bike (Santa Clarita Diet), and Moon 13 (by Mystery Science Theater 3000).

A seconda del genere di sitcom sono state selezionate genetiche differenti: nel caso di commedie divertenti la predominanza sarà di indica, mentre per le serie più impegnate sarà compito della sativa renderle ancora più avvincenti.

Di seguito il trailer di Disjointed

Commenti da facebook

Comments are closed.