uovo canapaCome rendere le uova più leggere e allo stesso tempo più ricche di omega 3 e omega 6? Semplice, aggiungendo semi di canapa al mangime dato alle galline. Un’idea semplice quanto geniale, messa in pratica dalla “Silvia O.”, una piccola azienda agricola a conduzione familiare di Massa D’Albe (Aq), e la cui validità è stata certificata dalle analisi svolte dall’Istituto zooprofilattico di Teramo.

«La nostra avventura è cominciata a maggio 2014 – racconta a Dolce Vita Silvia Bambagini Oliva, fondatrice dell’azienda agricola – quando io e mia madre siamo riuscite a vincere un bando europeo che ci ha permesso di coronare il sogno di ridare vita ad alcune terre di famiglia, sparse ed abbandonate da 2 generazioni. Abbiamo costruito i primi tre pollai e creare un allevamento di galline ovaiole biologico. La novità della nostra produzione, oltre alle modalità di allevamento, biologiche e attente al benessere degli animali, è stata l’intuizione di aggiungere semi di canapa al mangime delle galline rendendolo ricco di Omega 3 e Omega 6».

A certificare l’efficacia del regime alimentare a base di canapa, come accennavamo, è stato l’Istituto zooprofilattico di Teramo. «si è trattato di un esperimento durato 6 mesi, durante i quali l’istituto zooprofilattico, ha ciclicamente analizzato le uova di 3 gruppi di galline. Le galline erano alimentate rispettivamente con semi di canapa (con livelli di THC inferiori allo 0,2%), semi di lino e cereali di ogni tipo. Alla fine del periodo stabilito, è risultato che non solo le uova delle galline alimentate a Canapa erano più grandi e pesanti delle altre ma anche molto più ricche di grassi Omega-3. Le analisi sono state ripetute dal CRAB di Avezzano, laboratorio di analisi e ricerca sugli alimenti, a un anno e mezzo di distanza e i risultati ottenuti coincidevano».

In concreto le uova ottenute dalle galline alimentate con la canapa si sono rivelate con concentrazioni medie di 0,194 g/100g di omega 3 (contro una concentrazione media di appena 0,04 g/100g nelle uova convenzionali) e di 1,633 g/100g di omega 6 (a fronte di un dato di 1,06 g/100g per le uova convenzionali). Interessante anche l’aumento della concentrazione di grassi polinsaturi (1,83 contro gli 1,26 standard) e la riduzione di grassi totali (7,07 contro 8,7) e di calorie (114 Kcal/100g contro 128). Insomma, le uova alimentate a canapa battono quelle convenzionali sotto ogni punto di vista. Una nuova dimostrazione di come questa pianta, a lungo stigmatizzata possa contribuire a migliorare anche la salute e l’alimentazione umana.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dolce Vita, la rivista più coraggiosa d'Italia. Seguici su Facebook | Twitter | Telegram | Instagram

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Commenti da facebook

Comments are closed.