Ancora una volta la disinformazione sulla cannabis va in onda sulle televisioni nazionali. Dopo lo scandaloso caso del Tg3 regionale del Piemonte, questa volta è il popolare programma Le Iene a mandare in onda un servizio delirante sulla cannabis in prima serata su Italia 1.

L’intento dichiarato della puntata doveva essere quello di verificare la composizione di alcuni campioni di cannabis acquistati dai pusher di strada, svelandone la composizione, da qui il titolo del servizio “Pensavo fosse una canna ma…”. L’autrice del servizio acquista 5 bustine di erba da altrettanti spacciatori e poi le porta per l’analisi al Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna.

Poteva venirne fuori qualcosa di interessante, come accaduto in esperimenti analoghi condotti in passato su altre testate. Purtroppo, invece, complici le dichiarazioni della responsabile del laboratorio, dott.ssa Elia Del Borrello, si vira subito verso il sensazionalismo sul Thc di Serpelloniana memoria: in tre campioni la dottoressa dichiara di aver trovato concentrazioni di Thc tra il 19 e il 23%, mentre nel quarto campione dichiara un improbabile 45% di Thc, una percentuale che – sostiene – può portare a  «sintomatologie gravi».

Mentre l’autrice del servizio, la giornalista Liza Boschin, definisce tutti i campioni esaminati pericolosi per la salute a causa della concentrazione di Thc contenuta. Peccato che – a parte l’improbabile campione con il 45% di principio attivo – negli altri casi siamo in linea con le concentrazioni contenute ad esempio nel Bedrocan, ovvero la cannabis terapeutica di produzione olandese che viene distribuita anche nelle farmacie italiane.

Per quanto riguarda invece il campione al 45% di Thc, non sappiamo se gli esami sui campioni siano stati ben condotti o no, tuttavia ciò che sappiamo è che nessuno dei semi di cannabis attualmente in commercio è in grado di produrre cannabis con tali percentuali di Thc. Quindi saremmo curiosi di sapere come l’analisi è stata condotta.

Il quinto campione di erba analizzato invece, secondo la dottoressa Del Berrello, non contiene solo cannabis. All’interno di esso infatti il laboratorio ha rinvenuto percentuali scarsissime di Thc, compensate dall’aggiunta di cannabinoidi sintetici. La dottoressa afferma quindi che l’erba in questione potrebbe causare «effetti disastrosi» in chi la fuma.

A questo punto sarebbe stato utile sottolineare oltre ai rischi che comporta la cosiddetta “cannabis sintetica” (che sono reali, ne abbiamo parlato ad esempio in questo articolo) anche il fatto che queste sostanze non hanno nulla a che vedere con la cannabis. Visto che chiamarla cannabis (anche se sintetica) non solo è tecnicamente scorretto, dato che contiene principi attivi che non c’entrano niente con i cannabinoidi, ma anche pericoloso, specie in un programma visto da milioni di persone in prima serata. Niente di tutto questo.

Nonostante i dubbi sulle rilevazioni del laboratorio e le informazioni scorrette divulgate, parlare dei rischi – anche di salute – connessi al mercato illegale della cannabis sarebbe potuto essere molto utile. Si poteva, ad esempio, spiegare ai telespettatori che è proprio perché il mercato della cannabis è gestito dalla criminalità che si corrono rischi per la salute. Che se il mercato fosse regolamentato non si rischierebbe di trovare cannabis alla quale sono state aggiunte sostanze chimiche. Che è proprio a causa del proibizionismo che un ragazzo è costretto a comprare robaccia da un pusher all’angolo della strada anziché potersi coltivare da solo una pianta sana e naturale. Anche in questo caso, niente.

Evidentemente siamo nel solco delle peggiori “inchieste chiuse”, quelle cioè dove il montaggio e la scelta di ogni intervistato sono studiate ad arte per confermare una tesi preconfezionata, in questo caso quella che la cannabis che gira al giorno d’oggi è pericolosa e assimilabile alle droghe pesanti.

Di fatti l’autrice rinuncia a fornire ogni informazione aggiuntiva seria, preferendo buttarla nel solito sensazionalismo in stile Iene. Con la camera nascosta torna dai pusher per accusarli, con affermazioni deliranti che ne denotano la totale ignoranza in materia. “In quell’erba c’era roba strana: i cannabinoidi”: dice proprio così, non una ma due volte. Ignorando del tutto che i cannabinoidi sono l’insieme dei principi attivi che la cannabis in natura contiene. Non per niente si chiama cannabis.

Dopo questo breve distillato di scienza arriva il colpo di teatro finale: l’intervista alla povera ragazza ex dipendente da marijuana, che spiega come andando in comunità si è resa conto che i suoi sintomi erano gli stessi che subivano gli eroinomani, perché «la marijuana che gira oggi giorno rende psicotiche le persone».

Il volto della ragazza è coperto, parla in modo confidenziale mentre l’intervistatrice mantiene uno studiato assetto da mamma preoccupata. Uno spettatore crede a ciò che dice, è ovvio. Ma, come dice un proverbio, il diavolo è nei dettagli. La ragazza intervistata infatti è una paziente del Narconon, ovvero un centro di recupero basato sui dogmi della setta religiosa Scientology. Si tratta del centro di recupero più reazionario esistente, in passato già al centro di inchieste e accusato di praticare un vero e proprio lavaggio del cervello ai propri pazienti basato sulla lettura ossessiva dei testi sacri della setta.

Perché mai, ci chiediamo quindi, quelli delle Iene sono finiti a intervistare la paziente del centro di recupero di una setta religiosa per confermare la propria tesi? La risposta è semplice: perché il Narconon è l’unico centro con uno specifico programma per la cura della “dipendenza da cannabis”, dove tiene in cura ragazzi i cui genitori pagano migliaia di euro convinti – dalle stesse campagna pubblicitarie del centro – che la cannabis provochi dipendenze assimilabili a quelle delle droghe pesanti. Questo servizio nei centri di recupero pubblici ed accreditati non esiste, per il semplice motivo che la totalità della letteratura scientifica mondiale smentisce ogni equiparazione di dipendenza tra la cannabis e le droghe pesanti, affermando al contrario che la cannabis ha delle proprietà proprio nella disintossicazione dall’eroina e dalla cocaina.

In conclusione, milioni di cittadini che ieri sera erano sintonizzati su Italia Uno sono stati indotti da questo servizio a credere che la cannabis – almeno quella che gira al giorno d’oggi – non è più, come afferma sempre Liza Boschin, «la cannetta di Bob Marley che ti fa rilassare» ma qualcosa di molto pericoloso e praticamente uguale a tutte le droghe pesanti e che contiene al suo interno i pericolosissimi cannabinoidi.

A tutti i nostri lettori invece, rivolgiamo l’invito a condividere l’informazione corretta sulla cannabis e a insistere con amici, conoscenti e parenti affinché smettano di credere ai contenuti disinformativi spacciati da trasmissioni come queste. Le Iene, è sempre bene ricordarlo, è un programma di intrattenimento, e come tale va trattato. L’informazione è un’altra cosa e purtroppo, a parte rarissimi casi, non si trova in televisione.

Commenti da facebook

Comments are closed.