Negli ultimi anni il mondo della cannabis ha visto un susseguirsi di liberalizzazioni e legalizzazioni un po’ in tutto il mondo, dall’Olanda all’America questo settore ha subito una vera e propria rivoluzione.
L’Italia può vantare una lunga tradizione culturale nel settore della canapa industriale impiegata in diversi settori, dal tessile, al navale, al cartaceo ecc. ma con l’avvento del proibizionismo ha subito una forte battuta d’arresto arrivando a scomparire completamente dal panorama nazionale. Questa recente riscoperta della canapa da parte di numerosi paesi che ha portato se non ad una completa legalizzazione almeno alla depenalizzazione di questa pianta e ha influenzato anche il nostro paese, che ha reintrodotto la canapa tra le piante coltivabili ad uso industriale. Sebbene si è ancora lontani dalla legalizzazione cui tendono i fautori dell’uso di cannabis è sicuramente un primo e importante segnale che le cose stanno cambiando.

Già da alcuni anni in Italia vengono venduti fiori femminili di canapa interi, impollinati e con relativi semi, tutte genetiche certificate dalla Comunità Europea e destinati ad uso alimentare e aromaterapeutico. In quest’ultimo anno, sulle orme della Svizzera, anche in Italia si è assistito ad un vero e proprio boom di questo prodotto che non apporta in realtà grosse novità se non nella nomenclatura, nel tipo di packaging e nella risonanza mediatica che ha avuto grazie all’investimento nella pubblicità fatto dalle aziende distributrici.

L’INNOVAZIONE DI MARY MOONLIGHT E LA COLLABORAZIONE CON AZIENDE DEL VALORE QUALITATIVO DI ROOTS
Senza dubbio nel panorama attuale uno dei prodotti più innovativi è quello fornito da Mary Moonlight, che, a differenza degli altri lanciati sul mercato quest’anno, è stato concepito per permettere una maggiore soddisfazione del cliente. Le genetiche vengono selezionate con cura e si presta particolare attenzione alla trasformazione del prodotto, inoltre viene ripulito dai rami e dai semi.

È stata l’azienda come prima in assoluto in Italia a confezionare canapa chiamandola cannabis legale, quindi a porsi in questo tram tram mediatico, impostandosi come modello per le aziende che successivamente hanno seguito lo stesso iter, emulandone l’espressione essenziale, e di questo il team di Mary Moonlight è molto orgoglioso.

Mary moonlight nasce a Milano, è un’azienda giovane e dinamica fondata da un team di sei soci: Pietro Moramarco, Andrea Vigorelli, Francesco Scopelliti, Luigi, Andrea Landriani e Francesco Moramarco, impegnati da anni nello studio e nella valorizzazione della canapa.

L’azienda vanta già numerose collaborazioni in tutto il territorio italiano come con Italiacbd (Italiacbd.it), Il Pianeta Verde growshop (pianetaverde.biz), Verbalize, Melacotone (melacotone.it) e Roots; quest’ultima è un’azienda agricola nata a Gravina in Puglia, che si è fatta conoscere in breve tempo per le sue intelligenti politiche di espansione in ambito produttivo e commerciale della canapa.

Com’è stato anticipato dalla società stessa sul loro sito www.murgiaroots.it saranno acquistabili piantine di canapa legale certificata, che potrete far fiorire senza incorrere in alcun problema, nonché fiori di canapa e prodotti alimentari con farina di canapa. Brillante ed ammirabile l’idea di non aprire una pagina su Facebook per pubblicizzarsi, ma piuttosto un gruppo sul medesimo social per discutere, creare confronto, stimolare un giudizio critico al riguardo, per informare ed informarsi arricchendosi di idee e conoscenze.

Il team di Roots guidato da Mario Lorusso comprende anche i suoi soci Filippo Loiudice e Cecilia Vizzini e annuncia moltissime sorprese per il pubblico; non ci resta altro che avere pazienza e seguirli!

Tutte le aziende che partendo dal modello svizzero stanno sponsorizzando questa rivoluzione della “marijuana light”, “cannabis legale”, “canapa legale” o “cannabis light” o come preferite chiamarla, sono gli artefici di questo cambiamento, avendo avuto il coraggio di porsi sotto i riflettori affrontando le inevitabili critiche. A loro va riconosciuto il merito di aver contribuito a suscitare un atteggiamento positivo nei confronti della canapa in Italia. Precedentemente, infatti, l’atteggiamento più diffuso verso la canapa era quello di screditarne il valore a causa dei pregiudizi in base ai quali la stessa era indiscriminatamente individuata soltanto come “droga”. Adesso, grazie a queste nuove iniziative rivoluzionarie guidate da Mary Moonlight in primis ed a una relativa capillare informazione, l’opinione pubblica sta finalmente cambiando.

I FIORI FEMMINILI INTERI, SENZA SEMI, E L’ITALIA CANAPA CUP
Ora parliamo degli altri eventi speciali dell’anno 2017. Le due sorprese che tutti\e gli amanti della suddetta pianta si aspettavano:
i FIORI FEMMINILI arrivati finalmente in ITALIA, interi, senza semi, distribuiti da MARY MOONLIGHT, ricchi di CBD, dal favoloso profumo, senz’altro la miglior canapa italiana sul mercato come valore estetico, olfattivo e come quantità di CBD contenuto e l’evento dell’ITALIA CANAPA CUP.

Ebbene si, in Olanda c’è la Cannabis Cup, in Spagna c’è la Spannabis, in Svizzera la Canna Swiss Cup ed ora tocca anche a noi come nazione con l’ITALIA CANAPA CUP. Potrete trovare i riferimenti dell’evento su www.italiacanapacup.com per seguire tutte le novità, per iscrivervi come coltivatori di canapa partecipanti al concorso e per esser sponsor di questa prima edizione. Potranno partecipare sia i coltivatori italiani di canapa con i semi, sia coloro che invece avranno già pronte varietà senza semi. Gli organizzatori non ci svelano tutto sull’evento anzi quasi niente ma promettono che sarà sensazionale…

Tra gli organizzatori e\o sponsor dell’evento compaiono alcune delle aziende citate sopra
come Mary Moonlight, Verbalize, ItaliaCbd, Roots ed altre come ZAMBERLAN e Melacotone, Otland e la prima “Scuola Italiana della Canapa”.

Che dire? Attendiamo quest’altro speciale evento.

 

Commenti da facebook

Comments are closed.