Per alcuni sarà anche una pietanza prelibata, ma crediamo che nessuno possa definire il foie gras un alimento rispettoso della vita.

In California nel 2004 era stato legiferato in favore del divieto di vendere e servire il fegato d’oca sul tutto il territorio statale dopo aver definito come crudele e disumana l’alimentazione forzata degli animali. Il metodo definito gavage consiste nell’immissione di un tubo di metallo o plastica lungo dai 25 ai 30 centimetri fin nell’esofago degli uccelli, riversando grosse quantità di cibo per garantire l’ingrossamento smisurato del fegato, fino a 10 volte la dimensione normale. La maggior parte degli animali muore per le patologie epatiche riportate da questa pratica. Erano stati dati 7 anni di tempo alle aziende per reinventarsi dopodiché il divieto è stato applicato. Fino al 2015, quando un giudice sancì che la legge statale era in conflitto con quella federale revocandone l’attuazione.

Il 15 Settembre la buona notizia: la Nona Corte d’appello statunitense rimuove il verdetto del 2015, confermando la legittimità del veto californiano tra gli applausi degli animalisti e le proteste degli chef. I tre giudici hanno sottolineato che è possibile attuare una forma di tutela nel rispetto degli animali, come nel caso dell’Italia, i Paesi Bassi, la Repubblica ceca, l’India, il Lussemburgo, la Danimarca, la Finlandia, la Norvegia, la Polonia, Israele, la Svezia, la Svizzera, la Germania e il Regno Unito.

Rimane il fatto che non è eticamente e umanamente ammissibile torturare degli animali per potersi cibare (tralasciando la questione della qualità) di parti del loro corpo straziato.

Potrà non essere una questione impellente, anche se in ambito alimentare, soprattutto in America (e staremo a vedere da noi con l’approvazione del CETA) di interventi da attuare ce ne sarebbero, tra allevamenti intensivi, ormoni e antibiotici ma iniziare a sensibilizzare e legiferare in merito è senz’altro un primo grande passo.

Vi riportiamo qui una petizione per fermare la vendita del fois gras nelle principali catene di supermercati italiani.

Di seguito (se ne avrete il fegato) proponiamo un video investigativo sugli allevamenti di foie gras condotto da Animal Equality.
Speriamo che le immagini riprodotte vi arrivino fino scuoter la coscienza che tutti dovremmo avere.

 

Commenti da facebook

Comments are closed.