Il lavoro di Hempire spicca per le nuove genetiche e i prodotti Cannabis Light che sono entrate sul mercato italiano. Non si può che rimanere a bocca aperta di fronte a qualche fiore di Hempire Supreme, il prodotto che ha iniziato a conquistare i clienti più esigenti.

Quasi impossibile distinguerla dalla vera Marijuana alla vista e all’olfatto. Sembra essere stato acquistato direttamente in un coffeeshop olandese… Questo esaltante passo avanti, atteso da una grandissima quantità di consumatori, fa ben sperare ad un verde e legale futuro. I prezzi ancora alti tenderanno a scendere ma i feedback sono comunque di completa soddisfazione.

Parliamo un po’ di voi e del vostro gruppo, come si è formato?
Da principio il gruppo di lavoro era formato da me (Elvis) e Nicola. Un’amicizia coltivata sin dall’adolescenza, completata poi con la collaborazione di un ricercatore del mondo cannabico italiano: Davide Calzolari. Siamo orgogliosi di lavorare nel mondo della canapa.

Questo nonostante la cultura italiana sia tendenzialmente ipocrita. Argomenti che fanno leva sulla cristianità e leggi che risalgono agli anni ’20 dello scorso secolo rendono difficile ancora oggi, e a volte ai limiti del legale, il nostro lavoro. Siamo felici di poter operare e produrre prodotti assolutamente legali provenienti dalla canapa, e speriamo di poterlo continuare a fare sempre meglio e nel rispetto di tutte le norme. Crescendo in una società che non ci ha mai completamente convinto della dannosità della cannabis, ci accorgemmo che dovevamo incarnare noi per primi quel cambiamento che volevamo. Con questo spirito lavora Hempire, una realtà commerciale dinamica che vuole creare una maggiore cultura riguardo l’uso della canapa e tutte le sue finalità, nel rispetto degli altri e dell’ambiente.

Cosa avete di diverso dagli altri Growshop italiani?
Hempire si distingue per l’attenzione ai clienti e per la qualità dei prodotti, ma non possiamo che focalizzarci su Davide: un ricercatore universitario che studia nel mondo della cannabis all’interno del team non è una cosa che si trova in tutti in un Growshop. Questo si traduce in un’attenzione particolare ai consigli pratici e alle scelte dei settaggi delle serre, nonché della scelta dei prodotti. Un’altra caratteristica è il fatto che siamo a stretto contatto con la produzione agricola e la sfera commerciale, permettendoci di avere una visione più completa del nostro lavoro. Produciamo direttamente la nostra Cannabis Light e abbiamo iniziato a distribuirla ad altri Growshop.

Che prodotti state lanciando?
In primis vogliamo dare un’attenzione speciale alle nostre prime quattro Genetiche Femminizzate Automatiche, che sono il fiore all’occhiello del nostro catalogo. Inoltre abbiamo una produzione di ben sei varietà di Cannabis Light, di cui 4 sensimilla. Sul nostro sito web o pagina Facebook è possibile interagire con il team, fare domande e seguire la produzione, la messa in vendita dei prodotti e le novità legate al mondo della Cannabis Light. Nell’ultimo periodo, con alcuni ricercatori, abbiamo investito per trovare una tipologia di estrazione che rendesse l’Hashish al Cbd ancora più gustoso e con bassissimo tenore di THC.

Ultimo ma non per importanza è il Magic Box: un vasetto contenente terriccio iper-fertilizzato per microgrowing, guano di pipistrello, un giffy e due semi Hempire. Questo prodotto è rivolto a chiunque non abbia spazio per allestire una grow room o sia affascinato dal provare le prime esperienze. Basta metterlo vicino alla finestra per veder crescere la vostra gioia in 60\70 giorni. Si può spostare ovunque ed è completo di tutto ciò che si necessita per portare a termine il lavoro.

Quale tra le genetiche da voi selezionate trovate sia la più entusiasmante?
Tutte le genetiche sono accuratamente selezionate per gli aromi intensi o le rese extra large. Nel caso della nostra prediletta, la Gorilla Lagrimuso, abbiamo ricercato un equilibrio tra due genetiche a dir poco straordinarie. La leggendaria Jaguanita La Lagrimusa jamaicana si sposa ad una Gorilla Glue automatica proveniente dagli Stati Uniti. Risultato?

Un mostro resinoso dal sapore unico e dalla resa scioccante. Abbiamo preferito curare nei minimi particolari le selezioni di queste piante per non cadere nell’errore della maggior parte dei concorrenti che riempiono cataloghi e cataloghi con centinaia di genetiche instabili e problematiche, di produzione ignota.

a cura di Hempire Team

Comments are closed.