Durante le manifestazioni e gli scontri che fecero da corollario al G20 di Amburgo qualche settimana fa, fece notizia il fermo dell’eurodeputata Eleonora Forenza e di un’altra ventina di manifestanti italiani, quasi tutti rilasciati nel giro di poche ore.

Nulla è circolato invece sul mainstream riguardo a due ragazzi di Feltre, evidentemente meno introdotti nei circoletti che contano, che da un paio di settimane marciscono nei carceri tedeschi, con il serio rischio di albergarvi per tutta l’estate…

Maria Rocco di 23 anni è detenuta nel carcere amburghese di Billwerder e Fabio Vettorel, 18enne in quello minorile di Hahnofersand.

Non si tratta di due pericolosi black blok colpevoli di aver messo a ferro e fuoco la città, ma semplicemente di due ragazzi giovanissimi che dopo essere andati ad Amburgo per manifestare il proprio dissenso contro la politica scellerata dei “grandi della terra”, si sono ritrovati coinvolti negli scontri, senza avere alle spalle qualche organizzazione di peso politico che ne tutelasse i diritti. Si sono insomma trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato, complice l’inesperienza inevitabile a quell’età.

Maria non è fuggita dinanzi alla carica della polizia, perché impegnata a soccorrere un’altra ragazza che aveva la gamba fratturata e le è stata addebitata una “grave violazione dell’ordine pubblico con resistenza a pubblico ufficiale”, con l’aggravante di essere travisata per il solo fatto di portare un foulard per difendersi dai lacrimogeni. Rischia una carcerazione preventiva di 12 mesi in attesa del processo ed è probabile che se le cose non cambiano resti in carcere almeno fino alla fine di agosto.

Inutile sottolineare come l’organizzazione che più di ogni altra dovrebbe essere deputata a tutelare l’interesse degli italiani all’estero, anche qualora non abbiano alle spalle la politica che conta, sia lo Stato e come sarebbe auspicabile che qualche media mainstream, di quelli che ci hanno informato per mesi quotidianamente su ogni sfumatura del caso Regeni, si facesse carico di rendere nota all’opinione pubblica anche la sorte di due ragazzini che non sembrano interessare a nessuno, ma marciscono in galera da settimane, senza essere neppure passati dal via.

Comments are closed.