ecovillaggio

ABRUZZO

EVA Ecovillaggio Autocostruito – Pescomaggione (L’Aquila) – Dopo aver perso la casa durante il terremoto il 6 Aprile 2009, alcuni cittadini di Pescomaggiore, vicino l’Aquila, si sono rimboccati le maniche avviando un progetto di costruzione di case ecologiche ed economiche. Un gruppo di abitanti che si sono messi insieme e con una colletta di 150mila euro sono riusciti ad autocostruite sette abitazioni ecologiche in legno, acciaio e paglia che oggi ospitano 12 abitanti.
Localita: Pescomaggione (AQ)
Contatto: eva@pescomaggiore.org
Informazioni: pagina Facebook

CALABRIA

Arcipelago Sagarote – Diamante (Cosenza) – Villaggio incentrato sulla spiritualità e la creazione artistica, nasce con lo scopo di “creare uno spazio scorra in modo diverso” dove gli abitanti “sappiano riconoscersi pienamente nelle proprie azioni”. Le attività svolte nel villaggio rispondono a tre tipi di azioni: la cre-azione artistica (tempo estetico); la celebr-azione ludica (tempo della festa); la rel-azione profonda (tempo dell’amore accogliente).
Località: ss 18, direzione Valleverde – Sagarote, Diamante (CS)
Contatto: virgo47@libero.it
Informazioni: arcipelagosagarote.blogspot.it

EMILIA-ROMAGNA

Dulcamara – Ozzano dell’Emilia  (BO) – La Dulcamara nasce nel 1984 come Cooperativa a cui viene dato in gestione il podere Foiano dal Comune di Ozzano d’Emilia (tutt’ora proprietario) a 15 km da Bologna. Dulcamara  è una  S.C.a R.L. – società cooperativa a responsabilità limitata – e ci vivono dalle 8 alle 12 persone. L’azienda agricola dispone di 12 ettari a seminativo, 1 ettaro di orto, frutteti di albicocche, fichi, ciliegie, prugne, gelsi, mele e pere più altri alberi sparsi di rusticani e varietà antiche di pere e mele cotogne. Il progetto conta anche una fattoria didattica che ospita numerose classi durante tutto l’anno.
Località: Via Tolara di Sopra 78 – Ozzano dell’Emilia (BO)
Contatto: agriturismo@coopdulcamara.it
Informazioni: coopdulcamara.it

Ecovillaggio Lumen – San Pietro in Cerro (Piacenza) – Comunità piacentina esistente dal 1992, è abitata da una cinquantina di abitanti, bambini compresi. Di orientamento laico; si occupa di energie rinnovabili (con una propria cooperativa che progetta e installa impianti fotovoltaici), di salute naturale (scuola triennale di naturopatia, corsi di cucina, percorsi formativi per operatori del benessere, incontri individuali con i nostri naturopati) e di divulgazione tramite seminari e convegni.
Località: Via Polignano 5/13 – San Pietro in Cerro (PC)
Contatto: elena.soldi@naturopatia.org
Informazioni: naturopatia.org

Ecovillaggio Tempo di Vivere – Marano sul Panaro (Modena) – Tempo di Vivere nasce dalla volontà di superare il disagio e la frammentazione sociale. L’ecovillaggio mette al centro la persona e le sue capacità ed è improntata ad una decrescita consapevole, in armonia con Madre Natura. Una comunità egualitaria in evoluzione, dedicata alla cura delle persone e di Madre Terra, che mette al centro l’essere umano, accoglie le diversità, attiva le risorse, la sensibilità ambientalista, il mutuo apprendimento e la gioia di vivere. L’obiettivo è quello di raggiungere la creazione di una Cultura Olistica Sostenibile che riconosca e celebri l’unicità di tutte le vite, attraverso l’apprendimento, la pratica, l’esempio, la ricerca e la dimostrazione delle capacità di ogni individuo.
Località: Marano sul Panaro (MO), via Denzano, 1690.
Contatto: (tel) 320 7810919 – 329 0218941 – 333 5772199
Informazioni: tempodivivere.it

Ecovillaggio Granara – Valmozzola (Parma) – L’idea nasce alla fine anni ottanta a Milano da un gruppo di ventenni desiderosi di dare il loro contributo alla “salvezza” del pianeta, già attivi nel campo della solidarietà. La bioedilizia e il risparmio energetico sono sempre stati la linea guida, seppure non il dogma. Gabinetti a compostaggio a secco, riscaldamento a legna, pannelli solari per l’acqua calda, una casa in paglia in via di realizzazione: fin dall’inizio la parola d’ordine è stata “autoapprendimento” e “autocostruzione”.
Località: Via Granara 38, CAP 43050 – Valmozzola (PR)
Contatto: villaggio@granara.org
Informazioni: www.granara.org

FRIULI VENEZIA-GIULIA

La Nuova Terra – Beano di Codroipo (Udine) – Fondato da un gruppo di ecologisti nel 1991, la Nuova Terra possiede al suo interno il “Centro per la Biodiversità Casa per Michele”, all’interno del quale vengono svolti appuntamenti di sensibilizzazione su conoscenza spirituale della Natura, arte, terapia e fraternità. Nel villaggio si sperimentano numerosi esempi di costruizioni ed ecologia alternativa, tra i quali: agricoltura biocompatibile, bioedilizia con materiali poveri, autoproduzione di energia e metodi di disinquinamento e depurazione.
Località: Via Ferrovia 80, Beano di Codroipo (UD)
Contatto: lanuovaterra@gmail.com
Informazioni: ecovillaggiolanuovaterra.it

LAZIO

ABiterra – Roccantica (Rieti) – ABiterra nasce nel 2013 dalla necessità di realizzarsi, di adattare il proprio stile di vita lontano da imposizioni o schemi preimpostati. ABiterra è decidere di allontanarsi dal luogo dove si è cresciuti e che, nonostante ciò, non ci è mai appartenuto: i ritmi serrati e veloci della città, la foschia grigia del mattino, la monotonia caotica di vite condizionate. Promozione della sostenibilità, bioarchitettura e autoproduzione alimentare ed energetica.
Località: Roccantica (RI)
Contatto: cohousingsostenibile@gmail.com
Informazioni: pagina Facebook

Il Vignale – Blera (Viterbo) – Nasce nel 2010 con l’acquisto di una porzione di casale di 450 mq completamente da restaurare e 5 ettari di terreno ed attualmente ospita una dozzina di membri. Le decisioni interne vengono prese col metodo del consenso e seguono i principi della comunicazione non violenta, ritenuta dal gruppo, fondamentale per la nascita, crescita e sviluppo dell’ecovillaggio. Accorgimenti ecologici: Raccolta differenziata, raccolta acque piovane, fitodepurazione, riscaldamento a legna, pannelli fotovoltaici, uso detersivi e saponi ecologici, agricoltura biologica, permacultura.
Località: Il Vignale, strada Civitellese, Blera (VT)
Contatto: ilvignale@gmail.com
Informazioni: pagina Facebook

Torri Superiore – Ventimiglia (Imperia) – L’ecovillaggio Torri Superiore si trova in piccolo borgo medievale del XIII secolo. La comunità, attiva dal 1989, ha compiuto l’opera di recupero del borgo che oggi ospita, oltre ai 25 residenti, anche una struttura ricettiva ecoturistica e l’associazione culturale. Sono svolte anche attività agricole, olivicoltura e allevamento su piccola scala. Offre ospitalità a eventuali visitatori e valuta nuovi partecipanti. Molto interessante l’accorgimento ecologico “Ciclo dell’Ulivo”: dagli olivi ricavano legna e compost, da queste cenere con cui viene prodotta la lisciva (acqua di cenere), utile come detergente e concime, e frasche per le capre.
Località: Via Torri Superiore 5, Ventimiglia (IM)
Contatto: info@torri-superiore.org
Informazioni: torri-superiore.org

Villaggio Evolutivo – Canino (Viterbo) – Nato in Tuscia, l’antica terra degli Etruschi, a metà tra il Lago di Bolsena e il mare, il Villaggio Evolutivo è attivo dal 2010. A differenza di altre esperienze, non vi sono linee guida da seguire per farne parte, essendo basato sul rispetto delle diversità. Per questo vi sono vegetariani e carnivori ed è abitato da persone di varie età e formazione religiosa, spirituale e politica. Il Villaggio è all’interno di un podere di 22 ettari con ulivi e prugni e gli abitanti (13 adulti e 5 bambini) abitano in due casali.
Località: Via di Corneto, Loc. il Podere, Canino (VT)
Contatto: vievillaggioevolutivo@gmail.com
Informazioni: villaggioevolutivo.it

LIGURIA

Ecovillaggio Torri Superiore – Ventimiglia (Imperia) –  L’ecovillaggio Torri Superiore è un piccolo gioiello di architettura popolare situato nell’entroterra ligure, vicino a Ventimiglia, a pochi chilometri dal mare e dal confine francese. L’ecovillaggio, offrendo corsi residenziali ed ospitalità in una foresteria, dà qualche opportunità di lavoro ai propri membri, la maggior parte dei quali, tuttavia, mantiene impieghi esterni. Nei due ettari di terra di proprietà dell’associazione viene praticata un po’ di agricoltura biologica, quel tanto che basta per soddisfare la domanda interna di olio ed ortaggi.
Località: Via Torri Superiore 5 – Ventimiglia (IM)
Contatto: info@torri-superiore.org
Informazioni: www.torri-superiore.org

MARCHE

La Città della Luce – Trecastelli (Ancona) – Ecovillaggio ed Associazione Cultural, nella Città della Luce vive un nucleo di famiglie trasferitosi con l’obittivo di condividere il tempo, i beni materiali e gli spazi abitativi. La volontà degli abitanti è quella di “costruire un nuovo modello di società fondata sull’Amore e sulla Consapevolezza, sostenibile nelle relazioni e capace di usare le risorse in maniera rispettosa nei confronti dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi”.
Località: Via Porcozzone, 17 – Loc. Passo Ripe, 60012 Trecastelli (AN)
Contatto: info@reiki.it
Informazioni: lacittadellaluce.org

PIEMONTE

Casa del Sole – Comba Crosa (Torino) – Questo progetto prevede la fondazione di uno o più ecovillaggi libertari a impostazione biovegana. L’abitato, piccolo borgo di montagna, è diviso in un nucleo maggiore composto da circa dieci grandi fabbricati, e in un nucleo minore di cinque altre costruzioni, ha intorno a se molti ettari di terreno e bosco. La Casa del Sole è pensata come libertaria, priva di crudeltà e sfruttamento degli animali, non violenta ma militante, aperta e ricettiva, ecologica e finalizzata all’autosufficienza, socialmente e culturalmente attiva sul territorio.
Località: Val Germanasca – Comba Crosa (TO)
Contatto: dio_mu@yahoo.it
Informazioni: www.libertarea.org

Damanhour – Baldissero Canavese (Torino) – Una delle realtà più curiose (e controverse) del mondo degli ecovillaggi. Fondata in Italia a metà degli anni Settanta, Damanhur è una federazione di comunità spirituali composta da un migliaio di persone. Damanhur si organizza con un governo eletto dai suoi cittadini, una Costituzione scritta ad una struttura istituzionale ben definita con due “re guida” che governano la federazione, eletti ogni 6 mesi. La comunità ha anche un proprio sistema scolastico interno che comprende tutti i cicli dal Nido alla Media.
Località: Via Pramarzo 3, Baldissero Canavese (TO)
Contatto: (tel) 0124 512226
Informazioni: damanhur.info

Villaggio del Sole – Cortazzone (Asti) – Il Naturismo è lo strumento di salute psicofisica di base, affiancato da pratiche empiriche e spirituali che escludono fondamentalismi e tabù. Nessun estremismo, ma tendenza costante verso l’equilibrio. Al momento sono cinque le persone che a vario titolo collaborano, e due bimbi di 7 e 8 anni. Il Villaggio del Sole oggi ospita anche settanta persone nelle domeniche estive e decine di ospiti naturisti in settimana e nei week-end, da maggio a settembre.
Località: Via per Viale 5 – Cortazzone (AT)
Contatto: info@villaggiodelsole.org
Informazioni: www.villaggiodelsole.org

Villaggio Verde Comunità Acquariana – Cavallirio (Novara) – Un progetto di ecovillaggio ideato agli inizi degli anni ’80 da Bernardino del Boca, come centro sperimentale per l’evoluzione della coscienza, un libero laboratorio del vivere ricercando l’armonia con sé stessi, gli altri e la natura. Attualmente la comunità residente all’interno dell’ecovillaggio è formata da 8 nuclei familiari desiderosi di fare esperienza di un nuovo modello di vita, che si contrappone a quello frenetico e inquinante delle città. Non vi è un’ispirazione politica o religiosa prevalente, né una regolamentazione rigida: ognuno è libero di partecipare alle attività comuni secondo le sue disponibilità ed inclinazioni, in base alle necessità del gruppo e alla propria coscienza e responsabilità individuale. Le attività per il mantenimento e la gestione generale degli spazi comuni avvengono in gruppo.
Località: San Germano, 28010 Cavallirio (NO)
Contatto: info@villaggioverde.org
Informazioni: villaggioverde.org

PUGLIA

Comune di Urupia – Francavilla Fontana (Brindisi) – La comune di Urupia è stata fondata nel gennaio del 1995, nei pressi di Brindisi, dai membri di un collettivo anarchico di Lecce e da altri giovani di Berlino. I presupposti della comune sono: l’unanimità nelle decisioni, il principio del consenso, la proprietà collettiva e l’assenza di proprietà privata. Urupia dispone di quasi 1500 mq di fabbricati, spazi abitativi, laboratori, magazzini, ricoveri di animali e di 23 ettari di terra: 8 di oliveto, 2 di vigna, 1 di orto, 8 di seminativi ed il resto di macchia mediterranea.
Località: Contrada Petrosa s.n., 72021 – Francavilla Fontana (BR)
Contatto: comune.urupia@gmail.com
Informazioni: urupia.wordpress.com

Giardino della Gioia – San Nicandro (Foggia) – Villaggio che applica un sistema di economia condivisa tra i membri, attraverso il meccanismo del comodato d’uso. Si occupa di Promozione di: stile di vita ecologico, ricerca del benessere psicofisico e spirituale, lavoro su di sè, liberazione dai condizionamenti indotti dalla società (deprogrammazione), vita consapevole. Promozione della permacultura, tendenza all’autosufficienza energetica ed alimentare. Utilizzo di metodi di coltivazione innovativi e naturali come l’orto sinergico. Accorgimenti ecologici e di autoproduzione energetica.
Località: Contrada Torre Mileto, San Nicandro (FG)
Contatto: giardinodellagioia@gmail.com
Informazioni: giardinodellagioia.wix.com

SICILIA

Bagol’Area – Santa Venera di Mascali (Catania) – Il villaggio nasce nel 1998 come azienda agricola specializzata in permacultura, sorge in un area abbandonata da oltre 30 anni ai piedi dell’Etna. Al momento vi vivono 5 adulti e 1 bambina, ma il progetto è quello di allargare il villaggio a nuovi membri, sperimentando nuovi stili di vita e relazioni comunitarie tra i suoi abitanti.
Località: Via Presa 20, Santa Venera di Mascali (CT)
contatto: info.bagolaro@gmail.com
Informazioni: bagolarea.it

SARDEGNA

Sardina Antiga – Santa Lucia di Siniscola (Nuoro) – Nato dalla ricostruzione di un villaggio di “pinnattoso” (antiche capanne nuragiche) che era abitato fino a 50/60 anni fa, rispettando l’ubicazione originale e usando il metodo nuragico, integrando le tecniche artigianali moderne nel rispetto della normativa vigente e adoperando sempre materiali assolutamente naturali, Sardinia Antiga è il primo bio villaggio ecosostenibile della Sardegna. Non esistono fogne, sostituite da un impianto di fitodepurazione che evita l’inquinamento. E’ severamente vietato fumare in ogni luogo all’interno del villaggio e l’uso di cellulari, smartphone, tablet e pc è vietato negli spazi comuni.
Località: Santa Lucia di Siniscola, (NU)
Contatto: sardinnaantiga@gmail.com
Informazioni: sardinnaantiga.com

TOSCANA

Ciricea – Piteccio (Pistoia) – Nato nel 2013 attualmente vi abitano 13 membri e se ne cercano di nuovi. A Ciricea ha preso forma un orto sinergico, e si tengono corsi su meditazione ed olismo. L’obiettivo per il futuro prossimo è ridurre i consumi e quindi i costi di conduzione e la conseguente dipendenza dal mercato, gestire in modo autosufficiente l’alimentazione e le costruzioni, diffondere e divulgare un approccio olistico al fine di difendere l’ambiente ed il benessere psico-fisico di ognuno.
Località: via Ciricea e Giuliani 7, Piteccio (PT)
Contatto: info@ecovillaggiociricea.it
Informazioni: ecovillaggiociricea.it

Comunità Hodos – Fauglia (Pisa) – Hodos nasce nel 2002 come progetto di ricerca in Psicosintesi ad orientamento transpersonale. La comunità è ospitata in un tipico casolare toscano, all’interno di una proprietà di oltre sei ettari, che si estende nella quiete dei boschi delle colline tra Pisa e Livorno.
Località: via Vallebbiaia 2 – Fauglia (PI)
Contatto: info@psicosintesi.org
Informazioni: www.psicosintesi.org

Ecovillaggio Basilico – Cantagallo (Prato) – A due passi da Firenze una colorata avanguardia tra orti sinergici e prospettive comunitarie. Progetto in formazione per il recupero di una valle abbandonata, dove ci sono i borghi di Corricelli e Mezzana, nel Comune di Cantagallo. L’associazione è proprietaria di un ettaro circa di terreno e di quattro ruderi di case (una colonica con degli annessi) che costituiscono il nucleo abitativo di Corricelli.
Località: Strada Vicinale di Corricelli, 18 – Cantagallo (PO)
Contatto: (tel) 333-9821475
Informazioni: associazionebasilico.org

Ecovillaggio Campanara – Palazzolo sul Senio (Firenze) – Uno degli ecovillaggi più aperto alle visite esterne, sorge nel pieno dell’Appennino Tosco-Emilano. Al suo interno orti sinergici, percorsi naturalistici sul tema della biodiversità e della sostenibilità. Durante la stagione primaverile-estiva e autunnale offre workshop di arti e mestieri, concerti musicali, eventi culturali, teatrali e didattico-formativi volti anche a scolaresche.Ospitalità in tende indiane attrezzate (teepe), cucina biologica, birra alla spina, mostra permanente di piccoli impianti di energia rinnovabile.
Località: Via Campanara 1, 55035 Palazzolo sul Senio (FI)
Contatto: juliehelene@libero.it
Informazioni: pagina Facebook

Habitat Ecovillaggio – Gambassi Terme (Firenze) – Si tratta di un ecovillaggio ancora in costruzione, per ora costituito da quattro membri, ma se ne cercano altri. Abitano in pianta stabile in tende permanenti autocostruite. Obiettivo dei suoi fondatori è quello di creare un ambiente a misura d’uomo, dove ognuno possa gestire il proprio destino e la serenità non sia un’utopia, ma un bene reale e comune.
Località: Palagione, 50050 Gambassi Terme (FI)
Contatto: ecovillaggiohabitat@gmail.com
Informazioni: ecovillaggiohabitat.it

Il Popolo degli Elfi – Montevettolini (Pistoia) – A partire dagli anni Ottanta, l’Appennino pistoiese ospita una delle esperienze più originali del movimento comunitario italiano, si tratta del Popolo degli Elfi. Ad oggi vi sono oltre quindici nuclei (150 abitanti totali), alcuni distanti anche un’ora di cammino a piedi. La maggior parte delle abitazioni è priva di elettricità e si pratica l’autosufficienza. Gli elfi sono un popolo che appartiene alla mitologia Nordeuropea, la cui dimora erano i boschi. Un popolo amico del regno animale e vegetale.
Località: Avalon, 51010 Montevettolini (PT)
Contatto: non hanno mail o siti.
Informazioni: pagina dedicata sul sito del Rive

La Comune di Bagnaia – Sovicille (Siena) – È una delle esperienze storiche del movimento degli ecovillaggi italiano, esistente dal ’79. La sua organizzazione si basa sul metodo del consenso e l’organizzazione economica è di stampo socialista: tutte le proprietà sono collettive. Ogni partecipante ha il diritto/dovere di scegliere il proprio lavoro, che può essere collocato sia all’interno della comunità (artigianale o agricolo) sia all’ esterno. L’abitazione è un antico fabbricato rurale in parte ristrutturato per le particolari esigenze della comune. Ogni membro ha la sua camera, mentre gli altri spazi sono collettivi.
Località: Via di Bagnaia 37, Ancaiano – Sovicille (SI)
Contatto: lacomune.bagnaia@libero.it
Informazioni: pagina dedicata sul sito del Rive

Pignano – Volterra (Pistoia) – L’associazione Pignano è nata nel 2002. Attualmente vi vivono 16 adulti e 10 bambini, coprendo una fascia di età che va dagli zero agli oltre 60 anni. Ogni nucleo familiare ha un appartamento, ma ci sono ampi spazi comuni dove ritrovarsi durante la vita di comunità. Le principali attività ed interessi dell’ecovillaggio sono: una scuola della natura per i bambini, di orientamento montessoriano e libertario; la gestione di una struttura ricettiva; la coltivazione ed il mantenimento dei 350 ettari di terra che la circondano.Il terreno è coltivato a biodinamica e parte del terreno progettato in permacultura.
Località: Villa Pignano, Loc. Pignano 6, 56048 Volterra (PI)
Contatto: info@pignano.org
Informazioni: pagina dedicata sul sito del Rive

Rays – Gerfalco (Grosseto) – Un piccolo nucleo vive dal 2008 in un casolare immerso nel verde nei pressi del Parco Naturale “Le Cornate”, con 12 ettari di terra, tra bosco e seminativo. Una vita volutamente frugale e povera all’insegna della risoperta dei ritmi della natura. Si scaldano con la legna del bosco, applicano un sistema di sevicoltura ecosostenibile per il cibo. I sistemi fotovoltaici istallati sono l’unica fonte energetica e di riscaldamento delle acque. I suoi abitanti si sostengono economicamente con alcuni lavori esterni (individuali e collettivi) come la potatura di alberi e la raccolta delle olive.
Località: Podere Cavi 55, 58026 Gerfalco (GR)
Contatto: info@associazionerays.org
Informazioni: pagina dedicata sul sito del Rive

Upacchi – Anghiari (Arezzo) – Un piccolo borgo in provincia di Arezzo, ristrutturato secondo i principi della bioedilizia. E’ uno dei villaggi maggiormente all’avanguardia per quanto concerne l’ambito ecologico: serre per il riscaldamento solare passivo, impianti di riscaldamento a legna ad alto rendimento, gabinetto a compost e impianto di fitodepurazione, l’acqua proviene da una sorgente di proprietà e viene depurata attraverso il processo di fitodepurazione, gli orti di casa sono coltivati con metodi biologici. Diverse abitazioni applicano i principi della biodinamica.
Località: Upacchi 51, 52031 Anghiari (AR)
Contatto: evalotz@yahoo.it
Informazioni: eccoupacchi.eu

UMBRIA

Ananda Assisi – Gaifana di Nocera Umbra (Perugia) – Comunità spirituale fondata da Swami Kriyananda discepolo del celebre maestro indiano Paramhansa Yogananda, noto in tutto il mondo per il libro Autobiografia di uno yogi, cui s’ispira. Conta 90 adulti residenti e numerosi ospiti di passaggio. Ad Ananda Assisi si valorizza moltissimo la dimensione spirituale ma non si trascura, al contempo, quella produttiva.
Località: Via Montecchio 61, CAP 06025 – Gaifana di Nocera Umbra (PG)
contatto: info@ananda.it
Informazioni: www.ananda.it

Centro Panta Rei – Passignano sul Trasimeno (Perugia) – Il progetto Panta Rei nasce con la volontà di recuperare un’area agricola abbandonata e degradata, ma con forti potenzialità. L’idea matura all’interno della cooperativa La Buona Terra, proprietaria del terreno e delle strutture, che gestisce un’azienda agricola a conduzione biologica e opera come fattoria scuola dalla fine degli anni ’80. Punto nevralgico della progettazione la volontà pedagogica e formativa, l’ambizione di diventare un luogo di ricerca e sperimentazione, un luogo in cui imparare facendo.
Località:  Le Pierle 19A, CAP 06065 – Passignano sul Trasimeno (PG)
contatto: info@pantarei-cea.it
Informazioni: www.pantarei-cea.it

PER, Il parco dell’energia Rinnovabile (Terni) – Il PeR è un centro scientifico, turistico, divulgativo e ricreativo in prima linea nella ricerca e nella sperimentazione di tecnologie, processi e azioni virtuose che migliorino la vita dell’uomo e riducano l’impatto delle attività della società civile sul pianeta, ed è impegnato dal 2009 nell’obiettivo di suscitare nelle persone il desiderio e il piacere di cambiare. Il posto è speciale proprio perché è normale, nel senso non ha nulla dei richiami del turismo di massa: i suoi vantaggi sono qualità della vita, bassissima densità di popolazione, contatto con la natura, lontananza dall’inquinamento, sicurezza. Oggi, grazie all’equilibrio interno raggiunto, è possibile un’apertura a nuovi membri di comunità che possano sviluppare altri aspetti fondamentali nel processo ci costruzione del futuro che a noi piace: cura e benessere della persona, scuola democratica libertaria, agricampeggio, trekking e percorso avventura, campi estivi.
Località: Località Inano – Frazione Frattuccia
contatto: scrivi@per.umbria.it
Informazioni: www.per.umbria.it

Utopiaggia – Montegabbione (Terni) – Utopiaggia nasce nel 1982, con l’acquisto di circa cento ettari di terreno e tre case da ristrutturare. I promotori sono un folto gruppo di giovani tedeschi, cui si sono associati, più tardi, un paio di italiani. In diretta continuità con le motivazioni ideali originarie, la comune ha mantenuto saldo la scelta dell’autosufficienza alimentare: ogni casa ha il suo orto e, nel podere, ci sono alberi di ulivo a sufficienza per il consumo interno di olio e di olive; le pecore danno soprattutto latte e formaggio (di rado la carne) e le galline le uova.
Località: Loc. Greppolischieto 6 – Montegabbione (TR)
contatto: info@utopiaggia.eu
Informazioni: www.utopiaggia.eu

VENETO

Chousing Rio Selva – Preganziol (Treviso) – Rio Selva nasce dalla volontà di Anna e Bruno, due pensionati che hanno deciso di ristrutturare il proprio casolare di campagna per ricavarne una serie di alloggi volti ad ospitare altre persone desiderose di mettersi in gioco in una nuova vita, rurale e comunitaria. Oggi la loro casa è: fattoria didattica, gruppo d’acquisto, agricoltura biologica, musica, arte ed accoglienza sociale. Tutto questo realizzato con spirito etico e nel pieno rispetto della natura, del luogo, degli animali, e del rapporto creativo e armonioso con se stessi, gli altri e l’ambiente.
Località: Via Rio Serva 13, Preganziol (TV)
contatto: fattoriarioselva@gmail.com
Informazioni: rio-selva.blogspot.com

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dolce Vita, la rivista più coraggiosa d'Italia. Seguici su Facebook | Twitter | Google+ | Instagram

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Commenti da facebook

12 Comments

  1. io sto pensando veramente di dare una svolta alla mia vita e ho preso in considerazione gli ecovillaggi. ma si puo avere piu informazioni? per capire. grazie

  2. In Emilia ci siamo anche noi
    Tempo di Vivere
    Via Denzano 1690 Marano sul Panaro (Mo)
    329 0218941
    http://www.tempodivivere.it
    http://www.scollocamentosolidale.it
    Abbiamo scelto la forma della comune e viviamo delle nostre capacità e passioni (counseling,naturopatia,comunicazione non violenta,autoproduzione,autocostruzione,ecoturismo….)

  3. Grazie per la segnalazione, stiamo aggiornando l'elenco.

  4. Grazie per la segnalazione. Stiamo aggiornando l'elenco.

  5. Stiamo aggiornando l'elenco aggiungendo quelli che mancavano.

  6. La cosa migliore è che contatti direttamente quello più vicino a te e magari che lo vai a visitare. Questo un altro nostro articolo a riguardo: http://www.dolcevitaonline.it/eco-villaggi-nuove-finestre-su-un-mondo-possibile/

  7. Ci si può andare per brevi periodi tipo un mese per aiutare nei lavori e viversi questa vita che trovo bellissima? :)

  8. Marilena Po says:

    Stavo per esultare, visto che è vicinissimo a casa mia. Ma ho letto le regole della comune e i cani non sono ammessi nelle zone interne. Ci sono rimasta davvero male.

Leave a Reply