Sono felice di raccontare la mia esperienza di coltivazione di 5 piante di Chocolate Haze della Royal Queen Seeds.

La Chocolate Haze della RQS è un fenotipo dello strain Chocolope, ceppo che si è sviluppato in California negli anni Settanta, è un incrocio di Chocolate Thai x Cannalope Haze. Conosciuto per il suo odore di cioccolata e noci, ed il suo high spirituale e rasserenante, è pronta tra le 8 e le 10 settimane di fioritura con un raccolto indoor che si aggira sui 500g per metro quadrato.

Dopo un paio di giorni dalla semina sono nate tutte le piante. Dopo una settimana sotto una lampada CFL da 200w sono state spostate in vasi da 20 litri sotto una hps da 600w insieme ad altre 13 piante di alte varietà. La vegetativa è stata esplosiva per le 5 piante grazie alla legatura, sviluppando più rami laterali e crescendo leggermente di più delle altre varietà: internodi medi, nella norma per una haze, e foglie più larghe di quanto ci si aspetterebbe da una haze.

Dopo 20 giorni erano pronte per entrare in fioritura. Dopo una sfoltita ai rami bassi e secondari la fioritura si è potuta concentrare sui rami principali, sviluppando delle cime che in poco tempo, si capiva, sarebbero state di dimensioni tali da richiedere supporti e legature per evitare che si spezzassero sotto il loro stesso peso. Con l’aiuto dei fertilizzanti per fioritura della Aptus, le piante hanno continuato a crescere moderatamente nelle prime settimane di fioritura e a sviluppare fiori che, con il passare delle settimane, continuavano ad ingrandirsi come grappoli. L’odore che emanava era dolce con note di cioccolata, noci e caffè. Le infiorescenze erano di un verde scuro con pelucchi arancioni: 3 su 5 erano incrostate di resina, le altre due meno, evidentemente una variazione più simile alla Chocolate Thai.

Dopo 8 settimane erano pronte, ma le ho raccolte alla nona settimana. Dopo più di una settimana ad essiccare, le infiorescenze erano pronte per essere fumate. Il peso finale delle 5 piante si aggirava tra i 40 ed i 50g ad esemplare, peso del tutto soddisfacente considerato il set up.

Infine lo “smoke report”. I fiori si presentano di un verde scuro con pelucchi molto accesi e uno spesso strato di resina. Quando si apre, il fiore rilascia un odore profondo con note dolci, terrose come una barretta di cioccolato alle noci. L’high è molto positivo grazie alla discendenza Thai, ma anche forte ed introspettivo e talvolta leggermente sedativo, anche se non lascia appesantiti quando l’effetto svanisce. Insomma, uno strain completo e positivo, da provare sicuramente.

a cura di Resistenza Cannabica

 

Commenti da facebook

Comments are closed.