Uno degli esempi più validi di quanto la legalizzazione della cannabis possa portare a una crescita economica e addirittura a una rivalutazione del territorio è data dal settore del turismo. Quando si parla di Weed Travel, ovvero di turismo legato alla possibilità di consumare cannabis legalmente, si pensa immediatamente ad Amsterdam. Una connessione legittima, perché se la città olandese è conosciuta in tutto il mondo e visitata da milioni di persone ogni anno è anche grazie ai suoi coffee shop.

C’è però un’altra destinazione weed-friendly che ultimamente sta diventando molto popolare: il Colorado. Dal primo gennaio del 2014 è legale acquistare e consumare cannabis nello stato americano. La legalizzazione fu accolta con molti timori da parte dei cittadini più conservatori, ma oggi sono quasi tutti d’accordo nel considerare una benedizione questa svolta epocale. Perché da allora il Rocky Mountain State ha vissuto una crescita economica assolutamente inaspettata, come testimoniano i numeri riferiti al 2015: dopo un solo anno di attività, il business della marijuana a scopo ricreazionale valeva già 2.39 miliardi di dollari e aveva creato più di 18mila nuovi posti di lavoro a tempo pieno.

Ma non solo: secondo le stime del Marijuana Policy Group (uno studio indipendente di ricerche economiche con sede a Denver), entro il 2020 la produzione di marijuana in Colorado supererà quella del tabacco, considerata inavvicinabile solo fino a un paio di anni fa. Miles Light, uno degli autori della ricerca, ha dichiarato che il Colorado «ha goduto di una manna del cielo, praticamente gratis».

Chi nasceva come proibizionista inamovibile si è dovuto presto ricredere: legalizzando il consumo di marijuana, il Colorado ha spiccato il volo. Grazie ai residenti che hanno potuto acquistare e consumare cannabis rispettando la legge, ma grazie soprattutto al grande flusso di turismo generato dalla legalizzazione. D’altronde, il Colorado non è mai stata una meta particolarmente battuta dai turisti. In un certo senso anche ingiustamente, perché questo stato centrale degli USA ha tantissimo da offrire soprattutto a chi ama stare in mezzo alla natura incontaminata e preferisce, al caldo afoso della spiaggia, l’aria fresca e la solitudine delle montagne.

Oggi chi pensa a un viaggio per consumare legalmente la cannabis, deve prendere in considerazione il Colorado. Ormai è noto in tutto il mondo per la sua “weed culture”, ma in realtà c’è molto altro da visitare oltre ai marijuana store.
Il Colorado è uno dei due stati perfettamente rettangolari degli Stati Uniti. All’interno dei suoi 270.000 km² vivono appena cinque milioni di abitanti, per una densità di popolazione di 18.64 abitanti per km². Questo dato avrà immediatamente catturato l’attenzione dei viaggiatori che amano stare a contatto con la natura, perché significa una sola cosa: il Colorado è uno stato prevalentemente inabitato.

Il deserto è proprio uno dei suoi simboli, al punto che lo stesso nome fa riferimento alla sabbia rossastra di alcune zone. “Colorado” deriva infatti dallo spagnolo e significa “colorato”. Fu il nome che i conquistatori spagnoli diedero a quelle terre quando videro il fiume (che verrà poi chiamato Colorado a sua volta) colorarsi di rosso quando passava tra i terreni dei canyon.

Ciò che un viaggiatore non può assolutamente perdersi sono proprio i canyon. Non vi aspettate, però, i canyon aridi tipici della California: a parte alcune zone del Grand Junction, quasi tutti i canyon del Colorado sono costituiti di rocce grigie, fiumi in piena che li attraversano e una florida vegetazione. Questo perché non è uno stato che si affaccia sul mare, né si trova sul livello del mare. Al contrario, è lo stato americano con la quota media più alta del territorio, ed è l’unico ad essere interamente sopra i mille metri di altezza.

In Colorado il clima è sempre piuttosto fresco, motivo per cui è una destinazione molto frequentata dagli amanti dei trekking e delle lunghe passeggiate nelle zone meno abitate. Ma non solo, perché più si sale di altezza e più la temperatura scende, fino ad offrire la possibilità di sciare e fare snowboard anche in estate. Se siete appassionati di escursioni e arrampicata, il Colorado è il posto giusto per voi. Lo stato è noto per le fourteeners, ovvero le cime sopra i 14mila piedi (4.267 metri). Ce ne sono ben 53.

Se non vi piace la montagna, le alternative sono molteplici. Per quanto riguarda le escursioni, è possibile visitare buona parte del paese spostandosi in van e dormendo in tenda sotto le stelle. Durante il giorno è possibile camminare per chilometri alla scoperta dei meravigliosi parchi nazionali oppure fare kayak ed esplorare le terre incontaminate sfruttando la corrente di fiumi che passano attraverso gli imponenti canyon.

Un’esperienza di vita e di viaggio indimenticabile. Detto che in Colorado ci sono infinite possibilità di dar sfogo alla parte più wild del nostro essere viaggiatori, è innegabile che l’impennata di turismo degli ultimi anni sia dovuta principalmente alla legalizzazione della cannabis. In questo senso, la punto di riferimento è la capitale del Colorado, Denver. In questa città ai piedi delle Montagne Rocciose, chiunque abbia più di 21 anni può entrare in uno degli oltre 100 marijuana shops e acquistare fino a un’oncia (28 grammi circa) di cannabis, come previsto dalla legge. Oltre alla materia prima è quindi possibile acquistare anche concentrati, prodotti alimentari come la space cake, medicinali e qualunque altro prodotto a base di cannabis.

In Colorado ci sono luoghi spettacolari da visitare, città vibranti come Denver e la possibilità di acquistare marijuana. L’ultima domanda che potrebbe sorgere riguarda il consumo: dove è possibile farlo? Non esiste una norma precisa a riguardo. Non esistono coffee shop come ad Amsterdam, pertanto si è richiesta discrezione al consumatore.

Mettersi a fumare in una strada affollata potrebbe costare una multa, perché verrebbe considerato un comportamento irrispettoso. Qual è la soluzione, dunque? Usare il buonsenso (sempre) e ricordarsi che il Colorado ha tanta bellezza da offrire.

In Colorado la passione per il viaggio e quella per la cannabis si incontrano dando vita ad esperienze irripetibili nel resto del mondo. Invece di chiudervi tra quattro mura, acquistate a Denver, affittate un van e guidate verso le terre selvagge dello stato.

Trovate un luogo dove trascorrere la giornata immersi nella pace della natura, magari con una vista mozzafiato dei canyon, dei fiumi, delle montagne e della fitta boscaglia. Parcheggiate il van e preparatevi a godervi la cannabis che avete acquistato legalmente.

 

Commenti da facebook

Comments are closed.