Il 2017 è stato un anno altalenante per la cannabis, con tante notizie esaltanti provenienti del continente americano e – ancora una volta – niente di buono dal continente europeo, a cominciare dall’Italia.

Consoliamoci allora con la raccolta delle notizie più curiose e divertenti dell’anno provenienti dal mondo della cannabis, augurando a tutti buone feste e auspicando un 2018 dove finalmente si possa essere contenti anche leggendo le notizie più serie.

Ordinano su Amazon due scatole vuote, gli arrivano 30 kg di marijuana.

Due coniugi della Florida avevano ordinato su Amazon due scatole portaoggetti di plastica, ma a casa anziché vuote le confezioni sono arrivate piene zeppe di marijuana, addirittura 30 chilogrammi in totale. I due coniugi, evidentemente non consumatori di cannabis, hanno avvertito la polizia, mentre il gigante del e-commerce ha annunciato un’indagine interna per capire come sia stato possibile e rimborsato le due “vittime” con un buon spesa.

I due contenitori pieni di cannabis recapitati alla coppia di Orlando

In Colombia stanno pensando di creare un marijuanodromo.

Né coffee shop, né cannabis social club, in Colombia l’idea è quella di creare un marijuanodromo. La proposta decisamente curiosa è del sindaco di Tulua, una cittadina della Colombia centrale, Gustavo Adolfo Velez. Il primo cittadino ha proposto l’allestimento di quello che lui stesso ha chiamato un “marijuanodromo”, ovvero un parco della città adibito a spazio dove poter consumare cannabis in modo legale. La proposta è nata dagli stessi cittadini di Tulua, ora chiederemo ufficialmente al governo di poterla attuare con lo scopo di garantire sia la sicurezza di chi non usa cannabis che quella di chi la usa. (Leggi la notizia completa a questo link)

Sulle spiagge delle Marche si trovano pacchi di marijuana abbandonata. 

Tra le troppe notizie che non fanno affatto ridere anche l’Italia è riuscita a strappare un sorriso in questo 2017, con i ripetuti ritrovamenti di pacchi di cannabis “spiaggiati” sulla riviera marchigiana nello scorso luglio. Almeno 31 pacchi di erba sono stati ritrovati dalle forze dell’ordine abbondati sulle spiagge, mentre non pochi sono i ragazzi che hanno cercato di anticiparle in una vera caccia al tesoro.

Parte dei pacchi di cannabis rinvenuti a Porto Recanati

In Svizzera è di moda fumare il canapone e la cosa sta facendo impazzire la polizia.

Dalla Svizzera è partita la moda della cosiddetta “marijuana light”, ovvero la cannabis a contenuto legale di THC, ora diffusa anche in Italia. Nei primi mesi il consumo di canapa legale ha fatto impazzire la polizia elvetica a causa delle provocazioni di molti ragazzi, che si accendevano le loro sigarette alla canapa di fronte alle forze dell’ordine. Gli agenti si trovano “in imbarazzo” – ha dichiarato un poliziotto alla tv svizzera – perché non sanno più quale erba è legale e quale invece da reprimere e vengono anche presi in giro dai ragazzini che si divertono a fumargli la cannabis light davanti alla faccia. (Leggi la notizia completa a questo link)

Trump fa il muro? I messicani inventano la catapulta lancia erba.

Appena insediatosi alla Casa Bianca il presidente Usa Donald Trump aveva annunciato l’intenzione di costruire un muro alla frontiera con il Messico, allo scopo di fermare immigrazione e traffico di droga. I messicani hanno subito dimostrato come basta veramente poco per prendere le contromisure al proibizionismo, inventando una semplice catapulta artigianale in metallo, utilizzata per lanciare oltre la frontiera il Messico dell’Arizona diversi pacchi di marijuana.
(leggi la notizia completa a questo link)

La catapulta lancia cannabis utilizzata dai narcos messicani

I Narcos sbagliano mira: 12 kg di erba sfondano il garage di una signora americana.

Non solo Amazon ha dei problemi con le consegne in America, anche i narcotrafficanti non se la passano molto meglio. In una mattina di maggio una signora di nome Maya Donnelly si è trovata un buco nel soffitto del garage, la cuccia del cane sfondata e 26 libbre di marijuana (ovvero quasi 12 chilogrammi) perfettamente impacchettati sul pavimento. La casa si trova al confine con il Messico e molto probabilmente il lancio sbagliato è stato fatto da un drone o un ultraleggero, mezzi utilizzati dai trafficanti messicani per oltrepassare la frontiera. (Leggi la notizia completa a questo link)

Il Wiener Viktoria è la prima squadra di calcio sponsorizzata dalla cannabis.

Il Wiener Viktoria, piccola squadra che gioca nella quarta divisione del calcio austriaco, è diventata la prima società sportiva europea ad essere sponsorizzata da un’azienda di cannabis. Il club ha infatti stretto un rapporto di sponsorizzazione con la Flowery Field, una ditta che produce e commercia talee di cannabis, cioè vere piante di cannabis (adatte a produrre anche quantità elevate di THC) ma tenute allo stato vegetativo per non infrangere la legge austriaca. (Leggi la notizia completa a questo link)

La dirigenza del Wiener Victoria posa con una pianta di cannabis

In Germania hanno trovato 300 piante di marijuana appese ai rami degli alberi.

Coltivare piante di cannabis dentro a vasi appese ai rami degli alberi di un bosco. Un metodo ingegnoso che però non è andato in porto a causa dii cittadini un po’ troppo solerti, che hanno segnalato il tutto alla polizia. Quasi 300 vasi di marijuana sono stati così rinvenuti nella foresta di Haunstetter, all’incirca a metà strada tra le città di Monaco di Baviera e Norimberga, in Germania. L’autore dell’ingegnosa piantagione sospesa non è ancora stato individuato. (leggi la notizia completa a questo link).

Un intero quartiere colombiano è stato coperto dal fumo di cannabis.

Nella cittadina di Florenzia, nel sud-est della Colombia, forse le barzellette le raccontano sui militari anziché sui carabinieri. Nello scorso novembre gli ufficiali della locale caserma avevano organizzato un grande rogo di cannabis sequestrata, ma senza tener conto del forte vento che contraddistingueva la giornata. Il risultato è stato quello di riempire tutto il quartiere di fumo di marijuana, con decine di persone che si sono riversate in strada per goderne gli effetti. (Leggi la notizia completa a questo link)

un’immagine scattata durante il rogo della cannabis a Florencia

Spacciava cocaina insieme a un albanese: arrestato consigliere della Lega Nord.

Per concludere cosa ci può essere di più divertente di un politico appartenente a un partito proibizionista e contro l’immigrazione che viene scoperto intento a spacciare droga insieme a un albanese? È quanto accaduto a Maurizio Agostini, un militante della Lega Nord arrestato al casello autostradale di Trento mentre in auto insieme a un cittadino albanese trasportava oltre tre etti di cocaina. Ruspa e rimpatrio? (Leggi la notizia completa a questo link)

Comments are closed.